Varie

cittadinanza e costituzioneUna delle grandi incognite della Maturità 2019 è sicuramente il colloquio orale, come precisato nel D.M. n. 37 del 2019 e nell’O.M. n. 205 del 2019, opportuno spazio verrà dedicato ai percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento sviluppati nel corso del triennio, e alle attività correlate a “Cittadinanza e Costituzione”.

Quali argomenti verranno trattati?

Dipende moltissimo dai professori, dall'indirizzo, dai programmi e dalle scelte di ciascuna classe.
L'unica certezza è che tutti i temi trattati sono presenti all'interno del documento del 15 maggio, che resta il mezzo più affidabile per fare il punto sul programma.
L’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione è basato sullo svolgimento di attività (percorsi, progetti, etc.) finalizzate a sviluppare le competenze di cittadinanza in diversi ambiti, come, a puro titolo di esempio, educazione alla legalità, alla cittadinanza attiva, etc. I temi principali riguardano la Costituzione, la legalità, l'educazione all'ambiente e alla salute, l'educazione stradale e anche l'educazione digitale.

decretoSembra che  non ci siano  i tempi per inserire l'emendamento nel Decreto Crescita che aveva portato all'accordo dell' 11 giugno MIUR e Sindacati sul prossimo PAS e concorso docenti.

Alessandra Ricciardi su Italia Oggi parla anche di un possibile nuovo incontro domani tra MIUR e Sindacati per qualche modifica, viste le opposizioni di alcuni esponenti del M5S sul sistema dei PAS.

Intanto, ll Ministro dell’istruzione Marco Bussetti, incassato lo slittamento, sarebbe deciso a ripresentare il piano in un nuovo provvedimento da definire, eventualmente  un decreto autonomo, si spera che il tutto veda la luce prima dell'estate.

Ricordiamo cosa prevedeva l'accordo siglato:

commissioneweb2019"Commissione web" è l'applicativo realizzato dal Miur per la gestione delle attività connesse agli esami di Stato conclusivi del secondo ciclo di istruzione, messo a disposizione delle Commissioni esaminatrici.

Il processo degli esami di Stato si svolge attraverso 3 fasi successive:

  • 1° fase: PREDISPOSIZIONE DEI DATI ( a cura delle segreterie scolastiche)
    • Individuazione dei candidati interni agli Esami di Stato sull'Anagrafe Studenti e abbinamento alla commissione e alla classe d'esame /gruppo.
    • Ammissione dei candidati interni e registrazione degli altri candidati con relativo abbinamento alla classe d'esame/gruppo, e inserimento dei dati di presentazione.
    • Scelta dell'applicativo di supporto ai lavori della commissione e chiusura attività di presentazione. La scelta dell'applicativo Commissioni web presuppone, prima della chiusura della fase di presentazione, una serie di ulteriori attività che servono al corretto funzionamento del sistema quali:
    • Associazione dei nominativi della componente esterna ed interna alla commissione / classe d'esame, con assegnazione delle materie d'esame.
    • Rilascio delle autorizzazioni e assegnazione del contesto di operatività alle utenze dei membri di commissione, già registrati al sistema POLIS.

Esame di stato 2019Lunedi 17 Giugno 2019 alle ore 8:30, presso l’Istituto di assegnazione, si riuniscono in seduta plenaria le commissioni per gli esami di stato.


Durante la seduta il presidente e la commissione, così come definito dalla OM 205 del 11/03/2019:


Definisce il calendario delle operazioni per le classi (tramite sorteggio è stabilito l’ordine di precedenza delle classi, la precedenza nelle classi tra candidati interni ed esterni, l’ordine di convocazione dei candidati secondo la lettera alfabetica). Il numero dei candidati che sostengono il colloquio, per ogni giorno, non può essere di norma superiore a cinque.


Prende in esame gli atti e i documenti relativi ai candidati interni, nonché la documentazione presentata dagli altri candidati. In particolare esamina:
a) elenco dei candidati e documentazione relativa al percorso scolastico degli stessi al fine dello svolgimento del colloquio, ai sensi dell'art.17, co. 9, del d.lgs n.62 del 2017;
b) domande di ammissione all'esame dei candidati esterni e di quelli interni, con allegati i documenti dai quali sia possibile rilevare tutti gli elementi utili ai fini dello svolgimento dell' esame;
c) copia dei verbali delle operazioni relative all'attribuzione e alla motivazione del credito scolastico;

 

Il Miur oggi ha fornito ulteriori dettagli sul nuovo colloquio per l’esame di maturità, specificando che sarà composto da 4 momenti che abbiamo riassunto:

 

colloquio esame di stato

La commissione avrà a disposizione un punteggio massimo di 20 punti per la valutazione del colloquio orale.

registro elettronicoSta facendo velocemente il giro del web la notizia pubblicata dall'ANSA del maestro Andrea Scano, che si è rifiutato di utilizzare il registro elettronico. 

Il docente è stato sospeso dall'insegnamento per tre giorni, secondo il maestro oltre a non tutelare la privacy ci sono  questioni più pratiche: alle elementari per il maestro sarebbe più semplice usare la carta rispetto alla tastiera.

Già a  marzo Scano aveva  subito un procedimento disciplinare, conclusosi con la sanzione del 'richiamo scritto', per un'analoga vicenda che riguardava il non utilizzo degli scrutini on line.

maturità2019Sono disponibili da oggi sul sito del MIUR le commissioni dell’Esame di Stato del secondo ciclo di istruzione. Un’altra tappa di avvicinamento alla prove di giugno. La prima prova scritta, italiano, è in calendario mercoledì 19 giugno 2019, a partire dalle ore 08.30. La seconda prova, diversa per ciascun indirizzo di studi, si terrà, invece, giovedì 20 giugno 2019.

Quest’anno saranno 13.161 le commissioni d’Esame per 26.188 classi coinvolte. Ad oggi (gli scrutini si concluderanno nei prossimi giorni) sono 520.263 i candidati iscritti alla Maturità, di cui 502.607 interni e 17.656 esterni.

 

appnoipaImportante aggiornamento dell'App di NoiPA, da oggi l'utente potrà accedere all'App tramite impronta digitale oppure, esclusivamente sui dispositivi abilitati, con riconoscimento facciale.


Grazie all'integrazione del riconoscimento biometrico, non sarà più necessario inserire codice fiscale e password per accedere ai servizi offerti dall'applicazione. In alternativa, l'utente che non desidera utilizzare questa nuova modalità di accesso potrà disabilitare la funzione e, di conseguenza, continuare ad utilizzare le proprie credenziali oppure l'identità digitale unica SPID.


L'App "NoiPA", che ha da poco raggiunto il traguardo degli oltre 250mila download, sarà gradualmente arricchita con nuove funzionalità, in linea con il percorso di evoluzione del sistema NoiPA verso la realizzazione di un sistema unico di gestione del personale di tutta la Pubblica Amministrazione italiana.