Graduatorie e Organici

PSN MadLa circolare emanata dal Ministero dell’Istruzione per le supplenze riporta alcune grosse novità che riguardano il conferimento degli incarichi a tempo determinato per i docenti precari in particolare per gestire anche il grosso problema delle MAD che mette in ginocchio varie segreterie scolastiche visto il numero di istanze che pervengono. Riportiamo alcuni punti importanti.

Quando la scuola utilizza le MAD?

All’atto dell’esaurimento della graduatoria di istituto, ivi comprese le graduatorie delle istituzioni scolastiche viciniori, il dirigente scolastico si avvale di aspiranti docenti che abbiano presentato istanza di MAD.

Chi può presentare la MAD?
Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto e possono essere presentate per una provincia da dichiarare espressamente nell’istanza.

PSN MadDa sempre la Messa a Disposizione (Mad) costituisce un valido strumento per ottenere supplenze fuori graduatoria. E anche quest'anno, profilandosi un anno scolastico da record di supplenze in ogni ordine e grado, le varie scuole potrebbero aver bisogno anche di supplenti da Mad. Una possibilità che può essere utilizzata anche da chi non è riuscito a iscriversi in tempo nelle nuove GPS e GI 2020-21 o da chi non è certo di riuscire ad essere in posizione utile per ottenere una supplenza da tali graduatorie. Vediamo di seguito tutto ciò che c'è da sapere sulla Messa a Disposizione, soprattutto con riferimento alle modalità e alle migliori tempistiche di invio.

immissioni in ruoloSono tanti i docenti alle prese con la procedura informatizzata per le immissioni in ruolo che si chiedono quali siano gli effetti e le conseguenze di una accettazione o una rinuncia di una proposta di assunzione in ruolo sulle altre graduatorie in cui siano inclusi.
In merito è intervenuta anche la
nota 24335 dell’11 agosto 2020 che chiarisce che la disposizione contenuta nell’articolo 399, comma 3 bis, del T.U., che dispone che l’immissione in ruolo comporta, all’esito positivo del periodo di formazione e di prova, la decadenza da ogni graduatoria finalizzata alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato, ad eccezione di graduatorie di concorsi ordinari di procedure concorsuali diverse da quella di immissione in ruolo, trova applicazione anche nei confronti del personale iscritto con riserva nelle graduatorie utili ai fini dell’immissione in ruolo. 

Questo significa che tale norma si applicherà anche al personale in possesso di diploma magistrale, iscritto nelle graduatorie ad esaurimento con riserva, per effetto di provvedimenti giurisdizionali favorevoli ed immesso in ruolo con clausola risolutiva espressa.

L’amministrazione ha ritenuto di applicare le previsioni introdotte dalla legge 159 del 20 dicembre 2019, che ha convertito il decreto 126/19 senza prevedere un’eccezione per i docenti assunti con riserva, nonostante la natura non definitiva del contratto a tempo indeterminato.

In merito riportiamo una utile tabella della FLC che riepiloga quali siano gli effetti di una accettazione o una rinuncia dell’immissione in ruolo da ciascuna delle diverse graduatorie in cui l’aspirante è inserito. Qui di seguito lasintesi delle varie casistiche che possono presentarsi per ciascuna graduatoria da cui si riceve la proposta di assunzione:

PSN GPS e GIProsegue la compilazione della domanda per le Graduatorie Provinciali, la cui data di chiusura di inoltro continua ad essere fissata per il 6 agosto nonostante le tempistiche ristrette e i continui malfunzionamenti. Visto le incertezze e numerosi interrogativi da parte degli aspiranti che ancora giungono in redazione occorre fornire alcuni chiarimenti su stampa del PDF, indicazione punteggio attribuito, pubblicazione GPS e documenti da allegare alla domanda.

Ricordiamo che saranno circa 700 mila gli aspiranti docenti che potrebbero compilare la domanda con la speranza di poter ricevere un incarico a settembre e per l’anno scolastico 2020/2021 si calcola che la stima del fabbisogno di docenti supplenti sarà di circa 200/ 250 mila.

Le nuove graduatorie provinciali avranno una configurazione diversa dalle precedenti, saranno divise in due fasce: la prima per i docenti abilitati, la seconda per i non abilitati.
Queste leindicazioni utili per i chiarimenti:

Accesso a IOLLa possibilità di fare domanda di aggiornamento e inserimento nelle nuove Graduatorie Provinciali e GI è iniziata da pochi giorni ma non manca già il malcontento nei confronti di un sistema digitalizzato che doveva essere più semplificato rispetto al passato e privo di errori.

Dal 24 luglio, giorno di apertura della finestra temporale sul portale Istanze Online, si sono susseguiti continui errori, bug di sistema e incertezze. E tutto questo in un arco temporale ristretto che, ricordiamo, si chiuderà il 6 agosto, alle ore 23.59. Solo 15 giorni dunque hanno gli aspiranti insegnanti per inviare la relativa domanda, inserire tutti i servizi (qualora non già presenti nel sistema) e sperare che tutto risulti caricato correttamente.

PSN GPS e GISono tanti i dubbi dei docenti alle prese con la compilazione della domanda per le graduatorie provinciali e di Istituto per le supplenze la cui scadenza è prevista per le 23.59 del 6 agosto. Tra i tanti dubbi anche la dichiarazione dei servizi a cui PSN aveva già risposto con indicazioni che ora sono state confermate dalla nuova serie di FAQ pubblicate dal ministero che chiariscono come vada dichiarato il servizio specifico prestato sia su posto comune che su sostegno. Il Ministero ha infatti emanato nuove FAQ che si aggiungono a quelle già pubblicate precedentemente fornendo chiarimenti su diversi aspetti per una corretta compilazione delle domande che saranno fondamentali per evitare errori agli aspiranti docenti. Di seguito riportiamo il testo delle domande e risposte preparate dal ministero con la nuova serie di FAQ in cui tra l'altro è stato chiarito che non si può arbitrariamente scegliere cosa far valere come "servizio specifico". Il servizio specifico per il posto comune è per sua natura quello prestato nella stessa classe di concorso oppure se prestato su sostegno può essere dichiarato specifico solo su sostegno per lo stesso grado in cui prestato.
Questo il testo delle nuove FAQ aggiuntive rispetto a quelle già pubblicate:

Accesso a IOL

Tanti docenti di ruolo in queste ore sono alle prese con la compilazione della domanda di assegnazione provvisoria per sapere se potranno ottenere una sede più vicina ai propri affetti non avendo ottenuto l'agognato trasferimento con gli esiti della mobilità. Una domanda che per alcune categorie di docenti difficilmente trova accoglimento senza precedenze particolari e le deroghe concesse negli scorsi anni per i docenti rimasti titolari fuori provincia. Una circostanza che getta nello sconforto migliaia di docenti impossibilitati ad avvicinarsi a casa se non in possesso di requisiti stringenti o titolari su classi di concorso con poche disponibilità. Per questi docenti, tuttavia, esiste una possibilità a tanti del tutto sconosciuta, per avvicinarsi ai propri cari anche quando non si sia ottenuto il trasferimento agognato o l'assegnazione provvisoria.
Una possibilità che aumenta sensibilmente se abbinata alla scelta di inserirsi nelle nuove GPS-GI, graduatorie provinciali e di istituto per le supplenze, del prossimo biennio 2020/21 e 2021/22 per tutte le classi di concorso per cui si è abilitati (per la I fascia) o si ha titolo di accesso con diploma o laurea alla II fascia. E' possibile infatti iscriversi alle nuove GPS e GI per i docenti di ruolo non essendo presente alcun divieto specifico nell'ordinanza n. 60 del 10 luglio 2020 di riapertura che ha fissato la scadenza al 6 agosto. Una possibilità che, se sfruttata opportunamente, consente per i docenti di ruolo, secondo l'art. 36 del CCNL del 2009, di accettare una supplenza lasciando la sede di titolarità per incarichi su posti al 30 giugno o al 31 agosto.

L' articolo 36 CCNL 29/11/2007, tutt'ora in vigore, prevede infatti che:

PSN GPS e GIUna nota del ministero prot. 1290 del 22/07/2020 a firma del dott. Bruschi, chiarisce alcuni aspetti relativi alla valutazione di titoli e servizi nelle nuove GPS e GI. La nota è importante perchè chiarisce diversi aspetti che tanti aspiranti su cui tanti docenti, già alle prese con la compilazione delle domande su Istanze on Line,  ci stanno chiedendo chiarimenti in redazione.  Questi i punti salienti chiariti dalla nota su dichiarazione dei servizi e dei titoli valutabili: