Mobilità

mobilità buonascuolaE' fissata al prossimo 5 luglio 2021 la scadenza per le domande di assegnazione provvisoria e utilizzazione con le quali il personale della scuola ha la possibilità di partecipare alla “mobilità annuale”, cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella in cui si è titolari, nella stessa o di altra provincia, senza modificare la propria sede di titolarità. Due gli istituti possibili per la mobilità annuale: l’utilizzazione e l’assegnazione provvisoria.

L’utilizzazione annuale ha prevalentemente la finalità di consentire al personale senza sede, in esubero, oppure al personale trasferito in una sede disagiata perché perdente posto, nello stesso anno o negli anni precedenti, di poter prestare servizio per un anno in una scuola più comoda richiesta dallo stesso lavoratore.

L’assegnazione provvisoria, invece, ha la finalità di consentire ad un lavoratore (docente, educatore o ATA) della scuola di poter prestare servizio, sempre per un anno, in una scuola che sia più vicina alla residenza del proprio familiare (coniuge o convivente, figlio o genitore) oppure in scuole di un determinato comune nel caso in cui ci sono esigenze di cura, in questo comune, connesse a gravi motivi di salute.

Nel caso delle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie non si tratta di una mobilità annuale “libera ed aperta a tutti”, perché occorrono sempre determinati requisiti sia per partecipare all’una che all’altra.

Questa materia è regolata, annualmente dal Contratto Collettivo Nazionale Integrativo (CCNI) che viene sottoscritto dai sindacati e dal Miur.

Di seguito pubblichiamo una guida ai requisiti per richiedere assegnazione provvisoria o utilizzazione elaborata dalla UIL e scaricabile in allegato a questo articolo.

PSN ELABORAZIONE SU MOBILITA 2021Ancora un'esclusiva di PSN che ha elaborato in anteprima i tabulati pubblicati in mattinata relativi alla mobilità dei docenti riuscendo a recuperare informazioni fondamentali per le prossime operazioni di immissioni in ruolo ottenendo il quadro esatto delle disponibilità in organico di diritto fondamentali per conoscere in anticipo le possibilità di ottenere l'agognata assunzione e sia per gli incarichi di supplenza al 31 agosto affidati ai precari nel prossimo anno scolastico 2021-22. Dall'analisi di PSN risultano disponibili dopo la conclusione di tutte le operazioni di mobilità dei docenti oltre 85 mila posti vacanti in organico di diritto di cui 81.670 posti comuni e 30.751 posti di sostegno. Posti subito disponibili per le operazioni di immissione in ruolo previste entro questa estate e a cui dovranno aggiungersi anche quelli in organico di fatto disponibili nel prossimo anno scolastico 2021-22.

Il totale di 112.691 posti disponibili in organico di diritto (disponibili per ruolo e incarichi al 31 agosto) residuati al termine delle operazioni di mobilità evidenziati dall'elaborazione esclusiva di PSN sono così ripartiti:

 mobilità valigia#Mobilità2021

Pubblichiamo gli elenchi dei trasferimenti a seguito delle operazioni di mobilità per tutti gli ordini di scuola Infanzia, Primaria, Secondaria di I e II Grado con tutti i  trasferimenti avvenuti sia in fase provinciale che interprovinciale. Inoltre allegato a questo articolo anche il tabulato con il riepilogo nazionale dei movimenti ed i posti residui per ogni provincia sempre diviso per grado scolastico.
Chi non ritrova il suo nominativo  in questi file vuol dire che non ha avuto la domanda soddisfatta né in fase provinciale né interprovinciale.

Per email stanno arrivando le notifiche dell'esito delle domande di trasferimento ai docenti sia nel caso di accoglimento che nel caso di esito sfavorevole.

perdente postoTanti docenti in questi giorni stanno ricevendo notifica della condizione di soprannumerarietà, dunque perdenti posto presso la scuola di titolarità. Le segreterie, infatti, stanno ultimando (o almeno dovrebbero ultimare) le procedure per la stesura della graduatoria interna. La graduatoria interna ha sostanzialmente un unico scopo: individuare, nei casi di contrazione dell’organico, i docenti soprannumerari, cioè coloro che vedono svanire la loro cattedra a causa della diminuzione degli alunni (o per altre cause, meno frequenti a dire la verità, come il dimensionamento della rete scolastica)

Cosa succede quando un docente viene dichiarato soprannumerario?

Il docente può fare una di queste tre cose

-Presentare domanda di trasferimento condizionata

-Presentare domanda di trasferimento volontaria (anche oltre la scadenza dei termini, nel caso non lo avesse già fatto)

-Non presentare alcuna domanda

Cosa significa presentare domanda condizionata? Significa in parole semplici questo: se non fossi soprannumerario non presenterei domanda di trasferimento. Quindi presento domanda perché mi trovo nella condizione di soprannumerario e la mia domanda è valida solo finché questa condizione permane. Questo comporta due cose:

mobilità 2021 22Sono state firmate oggi l’Ordinanza relativa alla mobilità del personale docente, educativo e Ausiliario, Tecnico e Amministrativo (ATA) per l’anno scolastico 2021/2022 e l’Ordinanza relativa ai docenti di Religione Cattolica.

Per il personale docente le domande potranno essere effettuate da oggi, 29 marzo al 13 aprile 2021. Entro il 19 maggio saranno ultimati gli adempimenti degli uffici periferici del Ministero, i movimenti saranno pubblicati il 7 giugno 2021.

Il personale educativo potrà presentare domanda di mobilità dal 15 aprile al 5 maggio 2021. Le operazioni saranno concluse entro il 19 maggio, la pubblicazione dei movimenti avverrà l’8 giugno 2021.

PSN Tabella punteggi Assegnazioni provvisorie 2019Sono ancora tanti i docenti alle prese con la domanda di assegnazione provvisoria per il prossimo anno scolastico la cui scadenza del termine di presentazione è fissata al prossimo 24 luglio. Ricordiamo che nelle assegnazioni provvisorie sono fonte di punteggio esclusivamente le esigenze di famiglia.

In generale, il punteggio spetta se la persona a cui si richiede il ricongiungimento ha la residenza in quel comune da almeno tre mesi, documentata con certificato anagrafico o con autocertificazione. Si prescinde da questo requisito nel caso in cui si tratti di ricongiungimento a coniuge o parte dell’unione civile trasferito/a per servizio nei tre mesi antecedenti la data di presentazione della domanda. In tal caso, per l’attribuzione del punteggio, dovrà essere presentata dichiarazione del datore di lavoro che attesti tale circostanza. Se nel comune di residenza della persona a cui ci si ricongiunge non ci sono istituzione scolastiche richiedibili (ATTENZIONE, parla di SCUOLE RICHIEDIBILI e non di POSTI DISPONIBILI), il punteggio sarà attribuito per tutte le scuole del comune viciniore, secondo le tabelle  di viciniorietà, purché compreso tra le preferenze stesse.
Di seguito riportiamo le diverse esigenze di famiglia per cui è possibile attribuire punteggio e le modalità per certificare i requisiti:

PSN ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 2020Sono tanti i docenti che sperano di ottenere con l'assegnazione provvisoria l'avvicinamento ai propri affetti familiari per il prossimo anno scolastico. Una speranza che è tanto più forte quanto maggiori sono le possibilità di ottenere una sede indicata quando in possesso di precedenze nell'assegnazione provvisoria. 

Professionisti Scuola Network, viste le tante domande in redazione relativamente alla presentazione su istanze on line delle domande di assegnazione provvisoria, propone una scheda di approfondimento relativa all'art 8 del CCNI firmato l' 8 luglio 2020 relativo alle assegnazioni provvisorie, in particolare alla parte dove vengono specificate le precedenze .

Ricordiamo che i termini per la presentazione delle domande di AP sono, per tutti gli ordini di scuola, dal 13 al 24 luglio 2020 in modalità telematica su Istanze on line.

Ecco dunque come sono ordinate le precedenze previste dal CCNI per le assegnazioni provvisorie 2020:

mobilità buonascuolaE' stato pubblicato finalmente fissata la data per le domande di assegnazione provvisoria e utilizzazione per il prossimo anno scolastico che potranno essere presentate dal 13 al 24 luglio. Il personale della scuola ha la possibilità di partecipare alla “mobilità annuale”, cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella in cui si è titolari, nella stessa o di altra provincia, senza modificare la propria sede di titolarità. Due gli istituti possibili per la mobilità annuale: l’utilizzazione e l’assegnazione provvisoria.

L’utilizzazione annuale ha prevalentemente la finalità di consentire al personale senza sede, in esubero, oppure al personale trasferito in una sede disagiata perché perdente posto, nello stesso anno o negli anni precedenti, di poter prestare servizio per un anno in una scuola più comoda richiesta dallo stesso lavoratore.

L’assegnazione provvisoria, invece, ha la finalità di consentire ad un lavoratore (docente, educatore o ATA) della scuola di poter prestare servizio, sempre per un anno, in una scuola che sia più vicina alla residenza del proprio familiare (coniuge o convivente, figlio o genitore) oppure in scuole di un determinato comune nel caso in cui ci sono esigenze di cura, in questo comune, connesse a gravi motivi di salute.

Nel caso delle utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie non si tratta di una mobilità annuale “libera ed aperta a tutti”, perché occorrono sempre determinati requisiti sia per partecipare all’una che all’altra.

Questa materia è regolata, annualmente dal Contratto Collettivo Nazionale Integrativo (CCNI) che viene sottoscritto dai sindacati e dal Miur.

Scadenza delle domande
Docenti: domande dal 13 al 24 luglio 2020 (online)
Personale educativo e ata (domanda cartacea)

Di seguito pubblichiamo una guida ai requisti per richiedere assegnazione provvisoria o utilizzazione elaborata dalla cisl e scaricabile da questo articolo

Requisiti per poter produrre domanda di Assegnazione provvisoria o utilizzazione:{attachments}