Formazione, TFA e PAS

S.O.F.I.ADi seguito le video guide alla piattaforma digitale S.O.F.I.A. - Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti (sofia.istruzione.it) è stata realizzata dal Miur. S.O.F.I.A. consente di gestire l’offerta di formazione per insegnanti attraverso una procedura di accreditamento dei soggetti interessati, svolta completamente on line. Inoltre, la piattaforma permetterà di catalogare, a cura degli enti di formazione, le iniziative formative che si intende proporre al personale docente su tutto il territorio nazionale. Le insegnanti e gli insegnanti potranno iscriversi direttamente attraverso la piattaforma

S.O.F.I.AÈ aperta da oggi la piattaforma digitale S.O.F.I.A. - Sistema Operativo per la Formazione e le Iniziative di Aggiornamento dei docenti (sofia.istruzione.it), realizzata dal Miur per la gestione della formazione dei docenti.

Attraverso la piattaforma digitale per la formazione, i docenti potranno accedere al manuale d’uso, al video tutorial e consultare il catalogo via via disponibile, delle iniziative formative offerte dagli Enti accreditati ed iscriversi ai relativi percorsi formativi. In pratica nel catalogo saranno visibili le iniziative realizzate sia dagli enti/associazioni Accreditati/qualificati, sia quelle proposte dai soggetti di per sé qualificati per la formazione art.1 commi 5-6 Direttiva n.170/2016) quali, ad esempio, le scuole del sistema nazionale di istruzione e le Istituzioni Universitarie.

Competenze DigitaliIl MIUR, organizza, con il supporto scientifico del Comitato Olimpico delle Olimpiadi Italiane di Informatica e l’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico), la sesta edizione del corso per la formazione di docenti dell’area matematica- scientifica- tecnologica della scuola secondaria di II grado, su tematiche di “Computer Science”.

Il corso è gratuito per i partecipanti.

Il corso ha l’obiettivo di far acquisire competenze nello sviluppo algoritmico per la soluzione di problemi di varia difficoltà (problem solving) e nella traduzione degli stessi in un linguaggio di programmazione. Tale formazione permetterà ai docenti di potenziare le proprie competenze digitali da utilizzare nella didattica disciplinare in aula, di promuovere la partecipazione alle OII e, infine, di preparare gli studenti della propria scuola che partecipano alla selezione territoriale delle OII.

Il corso, è omologato a 25 ore di formazione in presenza, sarà erogato su una piattaforma e-learning e sarà tenuto da docenti universitari.

tfa sostegno

BANDI UNIVERSITA’ TFA III CICLO  SOSTEGNO  2016/17

   Sezione in aggiornamento continuo (agg. 30/04/2017)

In vista delle prove selettive del 25 e 26 maggio riepiloghiamo tutti i bandi pubblicati dalle Università per il III ciclo TFA Sostegno 2016/17.

Ricordiamo che Il test preliminare, della durata di due ore, è costituito da 60 (sessanta) quesiti formulati con cinque opzioni di risposta fra le quali il candidato dovrà selezionare quella esatta. La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale 0 punti. Almeno 20 dei predetti quesiti saranno volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana.

anno di prova 2017 finalePer i docenti che affrontano  l’anno di prova, si avvicina il momento di chiudere l’attività in piattaforma che resterà comunque aperta per aggiunte e modifiche fino allo scadere naturale del periodo di prova (31 agosto 2017).

Dopo aver compilato bilancio iniziale, curriculum formativo e aver svolto e documentato le due attività didattiche, restano  da compilare il bilancio finale,  i bisogni futuri e i tre questionari relativi ai punti nodali del percorso.

Il Bilancio finale, semplificato rispetto alla versione  2015/2016, consente al docente di ripensare se e come le proprie competenze professionali si siano trasformate durante l’anno di prova, tenendo in considerazione quanto indicato nel Bilancio iniziale.

PSN Sistema educativo 0 6Con l'approvazione dei decreti attuativi della legge 107 arriva finalmente anche la riforma del sistema educativo per l'infanzia da 0 a 6 anni con una armonizzazione su base nazionale delle norme regionali in materia sia di reclutamento che di servizi minimi da garantire. Cambiano anche le modalità di accesso alla professione di educatore con la definizione dei titoli necessari per poter essere assunti. Sarà necessaria infatti una qualifica universitaria per l'accesso e vengono costituiti per la prima volta i poli per l’infanzia per potenziare la ricettività dei servizi e sostenere la continuità del percorso educativo e scolastico di tutte le bambine e dei bambini. Di seguito riportiamo in sintesi punto per punto tutte le novità del decreto attuativo approvato relativo al sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni.

PSN FIT reclutamento docenti

Aggiornato con il testo del decreto attuativo
Questo uno dei passaggi più interessanti (art. 17) che si possono leggere nel testo del decreto approvato: per i docenti precari saranno banditi concorsi riservati con cadenza biennale per coloro che avranno con almeno tre anni scolastici di servizio anche non continuativi negli otto anni precedenti entro la scadenza dell'istanza di partecipazione. E' prevista la possibilità di partecipare in un'unica regione per ciascuna tornata concorsuale, per le classi di concorso o tipologie di posto per le quali abbia maturato un servizio di almeno un anno. Il primo concorso di cui al presente comma e bandito entro il 2018. (in allegato il testo scaricabile)

Con l'approvazione dei decreti attuativi della legge 107 cambia completamente il percorso da seguire per diventare docenti. Di fatto saranno rivoluzionate le procedure per il reclutamento e la formazione iniziale dei docenti con la formazione di nuove graduatorie nella fase transitoria e la completa sostituzione del TFA con il FIT un percorso triennale di formazione, tirocinio e inserimento nella funzione docente a cui si potrà accedere a seguito di superamento di uno specifico concorso. Di seguito riportiamo in sintesi punto per punto tutte le novità del decreto attuativo approvato relativo al reclutamento e alla formazione iniziale e tutte le procedure previste nel prossimo futuro per diventare docenti di ruolo. 

scuola

La VII commissione ha approvato il parere sullo schema finale del decreto legislativo recante il riordino, l’adeguamento e la semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente (Atto n. 377). Il parere della commissione, tuttavia, non è vincolante per il governo a cui spetta l'ultimo atto ovvero l'emanazione del decreto. La Commissione Cultura della Camera ha infatti approvato il parere, approntato dalla deputata Pd Manuela Ghizzoni, sul nuovo sistema di accesso al ruolo e la formazione iniziale dei professori della scuola secondaria (medie e superiori).

Ora resta l'emanazione da parte del Governo del decreto col quale diremo addio al percorso abilitante TFA ( tirocinio formativo attivo), che aveva sostituito la SISS, a favore della FIT, acronimo di Formazione Iniziale Tirocinio.
Dunque cerchiamo di fare chiarezza: