Formazione, TFA e PAS

Neoimmessi 2018 2019

E' online sul sito di Indire la piattaforma di supporto alla formazione dei docenti neoassunti e con passaggio in ruolo (DM 850/2015) e dei docenti impegnati nel percorso annuale FIT (D.Lgs. 59/2017).
L’ambiente consente ad ogni docente registrato di predisporre il proprio Portfolio professionale, compilare i questionari per il monitoraggio della formazione ed esportare la documentazione elaborata per la discussione finale.
È disponibile inoltre un accesso per referenti e Ds per consentire loro di visionare una demo del Portfolio professionale dei docenti e a partire dalla primavera 2019 l’ambiente sarà inoltre aperto ai tutor per consentire loro di scaricare l’attestato.

Per accedere alle sezioni riservate, è necessario iscriversi autonomamente utilizzando l’apposita funzione in home page. Una volta effettuata l’iscrizione, riceverete via mail le credenziali per l’accesso. L’ambiente riservato ai docenti tutor sarà, invece, reso disponibile nella primavera del 2019. Come di consueto, anche quest’anno la piattaforma consente ai referenti territoriali per la formazione neoassunti (esponenti di USR, UAT, scuole polo) di accedere ad una demo dell’area riservata per prendere visione delle attività che compongono il percorso formativo e facilitare così l’accompagnamento dei docenti. Per lo stesso fine, la descrizione dell’intero ambiente – sia nella versione Neoassunti che nella versione FIT - è inoltre resa disponibile in versione testuale (formato .pdf) liberamente scaricabile dalla sezione Toolkit.

Si pubblica in allegato la nota della Direzione Generale per il Personale Scolastico 21 settembre 2018, prot. 4163, con cui l’Amministrazione Centrale ha fornito indicazioni operative in merito agli adempimenti correlati al percorso annuale FIT.

Inoltre riportiamo utile comparazione tra Periodo di formazione e prova ai sensi del Decreto Ministeriale 27 ottobre 2015, n. 850 e Percorso annuale di formazione (terzo anno FIT) ai sensi del Decreto Ministeriale 14 dicembre 2017, n. 984.

Adempimenti per i docenti ammessi al percorso annuale di formazione

Gli adempimenti previsti dal DM 984/2017 sono i seguenti:

abilitazione insegnamentoArriva il chiarimento da parte del MIUR per i tanti che sono in attesa del riconoscimento delle abilitazioni conseguite in Bulgaria.

Come noto, la Direttiva 2013/55/UE disciplina il riconoscimento delle professioni. A tal fine è  obbligatoria l’attestazione di conformità da parte del Paese di provenienza, il quale deve certificare  che la formazione conseguita nel medesimo Paese è regolamentata ed il relativo livello della qualifica.
L’articolo 13, comma 2, della suddetta Direttiva regolamenta anche i casi dei Paesi in cui la  professione e la formazione non sono regolamentate, stabilendo che “l’accesso alla professione e  il suo esercizio sono consentiti anche ai richiedenti che, nel corso dei precedenti dieci anni,  abbiano esercitato a tempo pieno tale professione per un anno”.

neoimmessi2017 18Accessibile la nuova sezione dedicata ai Tutor nell'ambiente online dedicato alla formazione dei docenti neoassunti e con passaggio di ruolo.
La nuova area si compone di sole 2 sezioni: la HOME PAGE e la sezione ASSISTENZA.

Dalla home page il tutor può:
• accedere al questionario relativo all'esperienza di peer to peer per ogni docente che supervisiona;
• scaricare il documento che attesta lo svolgimento del ruolo di tutor per ognuno dei docenti supervisionati.

L’attestato è disponibile solo una volta compilato il questionario. Una sezione specifica di “Approfondimenti per il Tutor” è disponibile in modo pubblico a partire dalla sezione "Toolkit" del sito. Da tale sezione sono disponibili indicazioni e documenti che riguardano:figura del tutor e ambiente, risorse formative per il tutor, strumenti e modelli utili per lo svolgimento della sua funzione di consulenza.
Sono consultabili, inoltre, le risorse formative inerenti i temi dell'educazione alla sostenibilità, realizzati da ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile). Secondo l’ultima fotografia del 15 marzo 2018 sono 28.944 i tutor associati nell'ambiente a partire dall’avvio della formazione online.

Sentenza GdLSi è tenuto in data 4 gennaio il confronto tra sindacati e il MIUR richiesto a seguito della sentenza dell'Adunanza Plenaria che ha escluso dalle graduatorie ad esaurimento i diplomati magistrali
All'incontro hanno partecipato tutte le organizzazioni sindacali rappresentative alla presenza del sottosegretario del Miur De Filippo che in apertura ha dichiarato che è stato richiesto un parere all'Avocatura dello Stato visto anche la disomogeneità delle situazioni soggettive dei ricorrenti. Pertanto nessuna decisione e nessun provvedimento formale potrà essere preso fino a quando non sarà espresso questo parere, garantendo perciò che nessun docente vedrà a rischio il proprio posto di lavoro e la propria posizione in GAE almeno nell'immediato. 
Ma mentre le organizzazioni sindacali ottengono dal Miur rassicurazioni sulla vicenda dei diplomati magistrali, il Governo in carica ha appena approvato nella legge di bilancio 2018,tra le misure riferite al settore istruzione, un comma con il quale si darà maggiore punteggio ai titoli abilitanti conseguiti con percorsi universitari, dando probabilmente ai diplomati magistrali una ulteriore mazzata che potrebbe relegarli in posizioni più arretrate in graduatoria di istituto riducendo ulteriormente le possibilità di supplenze per i prossimi anni.

Sentenza GdLDicembre nero per tanti precari e aspiranti docenti che per via giudiziaria cercavano di ottenere il riconoscimento dell'abilitazione del proprio titolo per poter entrare a pieno merito in seconda fascia della graduatoria di istituto e partecipare dunque all'imminente concorso riservato per abilitati di cui si attende per inizio gennaio il bando. Dopo la sentenza dell'Adunanza Plenaria del CDS, che ha escluso dalle GAE i docenti con diploma magistrale, ora un'altra mazzata si abbatte su tanti che, convinti a ricorrere da sindacati e legali, speravano di vedere riconosciuto come un percorso abilitante i titoli di AFAM e dottorato. Titoli che invece non possono essere considerati né equiparati all'abilitazione conseguita con i percorsi ordinari ad esempio di SISS e TFA o PAS, secondo quanto stabilito in distinte pronunce del TAR per il titolo AFAM e del Consiglio di Stato per il dottorato.

Una doccia fredda per i docenti che erano stati inseriti con riserva nella seconda fascia delle graduatorie di istituto e che ora dovranno invece essere ricollocati nella terza fascia delle stesse e che soprattutto vedono sfumare la possibilità di partecipare al prossimo concorso riservato agli abilitati che avrebbe consentito l'immissione in ruolo a seguito di una prova orale.
Sarà dunque un brutto fine d'anno per oltre 4 mila ricorrenti, a tanto ammontano contando i nominativi delle diverse sentenze emesse, che si sono visti respingere la loro richiesta di riconoscimento dell'abilitazione per i titoli di AFAM e dottorato.

BruschiL'ispettore del Miur, il dott. Max Bruschi, è intervenuto con un post sulla sua fan page in merito alla recente sentenza della Adunanza Plenaria che ha messo la parola fine alla controversia dei Diplomati magistrali rispetto alla loro richiesta di entrare in Graduatoria ad esaurimento.
L'ispettore in un post molto lungo ha specificato che l’esperienza data dal servizio, di per sé, non garantisce alcuna qualità circa l'e
fficacia dell'insegnamento impartito neanche avendo maturato venti anni di supplenze. Se si considera il comparto istruzione come un immenso ufficio di collocamento non è possibile poi lamentarsene per le sue lacune. Ogni accesso privo di selezione o con una selezione solo virtuale porta a immettere in ruolo anche persone inadeguate anche se sono le stesse a cui si è concesso per anni di far supplenze.

La sentenza della Plenaria del Consiglio di Stato se avesse deciso diversamente, avrebbe garantito l’accesso alle GAE ad alcune decine di migliaia di aspiranti diplomati magistrali, senza alcuna selezione se non un “esame di maturità” sostenuto almeno 15 anni fa a soggetti che hanno avuto a disposizione, ma non hanno fatto, almeno 7 cicli di laurea in SFP vecchio ordinamento che per legge garantivano l’accesso alle permanenti e due concorsi (2012 e 2015: banditi dunque regolarmente) per accedere ai ruoli.
E si chiede infine: si può continuare a consentire a platee più o meno vaste di soggetti di entrare in ruolo senza il possesso di requisiti fondamentali e a che prezzo 
Di seguito riportiamo il testo completo del post dell'ispettore Bruschi sulla sua pagina fb:

atttivitàVeniamo dunque al cuore dell’anno di prova. La progettazione e la realizzazione di due attività didattiche e la loro relativa documentazione.

Le due sezioni, Attività didattica 1 e Attività didattica 2, prevedono la documentazione e riflessione relativa a 2 attività didattiche da svolgere con gli studenti

È auspicabile che la seconda attività coincida con quella progettata in collaborazione con il tutor (attività di peer to peer prevista dal DM 850/2015) e abbia per oggetto quanto appreso in uno dei laboratori formativi frequentati dal docente!

INDIRE quindi consiglia di “..eseguire la prima attività didattica in autonomia. Emergerà, così, il modo di fare didattica del neoassunto all’inizio del suo percorso di formazione, ovvero nel primo momento di approfondimento individuale. Si suggerisce poi di svolgere la seconda attività in relazione a uno dei laboratori formativi e seguiti. In questo caso è auspicabile che la progettazione dell’attività sia svolta con il tutor. “

Ma cosa si intende per attività didattica? Sulla piattaforma mancano totalmente indicazioni più specifiche. Non c’è più nemmeno quel suggerimento “una o due lezioni” che compariva negli scorsi anni. Questo significa che il docente ha un ampio raggio d’azione e mano libera sui contenuti e sulla durata dell’attività.