Concorsi, FIT

concorso prova orale2APer tutti coloro i quali avranno superato la prova scritta, si avvicina il momento della prova orale, ne abbiamo scritto qui. Ventiquattro ore prima la data della vostra prova orale (di cui avrete avuto comunicazione via mail) sarete chiamati ad estrarre la traccia della lezione simulata che dovrete articolare in sede di esame.

Da l'istante dell'estrazione, scatta il cronometro: 20 ore circa per preparare un “prodotto” da illustrare alla commissione in 35 minuti di tempo. Esperienza insegna che sono tempi strettissimi.

Concorso 2016

Si attende, si spera. Passata la tempesta degli scritti, ci si orienta verso la prova orale finalizzata all'accertamento della preparazione del candidato secondo quanto previsto dall'Allegato A del bando. 
Qui la procedura prevista dal Miur Inviata agli USR. In caso di esito positivo della vostra prova scritta, avrete una mail:
di convocazione al singolo candidato, daranno comunicazione del voto conseguito nelle prove scritte e pratiche, ove previste, nonché della sede, della data e dell’ora di svolgimento delle prova orale.
Tale mail è l'unica convocazione scritta ufficiale, ed arriverà sul server di posta che avrete indicato nella domanda di concorso. L'USR di riferimento pubblicherà anche l'elenco senza voto di tutti gli ammessi, ma, ripetiamo, la convocazione valida sarà solo quella ricevuta via mail.

La vostra prova orale avrà una durata massima complessiva di 45 minuti:

Decreto immissione Gm 2016 17

Pubblicato il decreto ministeriale 496 del 22 giugno che da avvio alle procedure per le assunzioni dei docenti dell'infanzia da graduatoria di merito secondo quanto previsto dal Decreto Legge 42/2016 convertita in legge 89/16 che ha stabilito l'assunzione dei docenti ancora presenti in graduatoria di merito del concorso 2012 per il 2016/17, fino alla pubblicazione delle graduatorie del concorso 2016, si utilizzano, nelle regioni ove sono presenti, le graduatorie del concorso 2012. 
Per la quota del 50% riservata ai concorsi, laddove presenti, saranno utilizzate le graduatorie regionali di merito per poi passare ad una procedura nazionale.
I docenti inclusi nelle graduatorie del concorso del 2012 che non siano assunti nella loro regione, potranno presentare domanda volontaria per essere assunti nelle altre regioni indicando l’ordine delle stesse. Chi presenta la domanda di assunzione nelle altre regioni e non accetta la proposta di nomina sarà definitivamente cancellato sia dalla graduatoria del concorso che da quella ad esaurimento (qualora vi sia inserito). 

concorso dirigenti

Ci siamo quasi, sta per essere pubblicato il Regolamento del nuovo corso-concorso per Dirigenti Scolastici.

La Ministra Giannini dichiara che "Il concorso per la prima volta sarà su base nazionale, perché il ruolo della dirigenza è nazionale e per superare i limiti emersi in passato dalle selezioni su base regionale. Con la Buona Scuola abbiamo assegnato nuovi poteri, ma anche e soprattutto nuove responsabilità ai dirigenti scolastici. Anche per questo serve una modalità di selezione che ponga l'accento sulla conoscenza, verificabile con le prove concorsuali, ma anche sulla capacità di gestione e di relazione che possiamo incentivare attraverso i mesi di corso e tirocinio".

Proprio alla vigilia delle prove scritte con il maggior numero di candidati, quelle che si tengono il 30 e 31 maggio per infanzia e primaria, dove si stima saranno impegnati almeno 73 mila insegnanti per ognuna delle due prove, sta facendo molto discutere una foto che sta girando da alcune ore sui social network al riguardo del concorso docenti 2016 e che se autentica sarebbe la prova di un illecito avvenuto durante una delle diverse prove scritte già tenutesi nei giorni scorsi.
La foto potrebbe mettere in seria crisi la credibilità di chi ha deciso questa modalità delle prove "computer based" e rappresenterebbe un'enorme ombra sulla validità di tutta la procedura informatica messa in piedi dal Miur per garantire la sicurezza informatica e la legittimità del concorso.
L'episodio è tanto più grave se si tiene conto che ad oggi sono state numerose le richieste di informazioni riguardanti i protocolli di sicurezza della prova “computer based” del concorso docenti 2016, appelli a cui il Miur non ha mai risposto, e la foto che circola da ore in rete costringe nuovamente ad alzare il livello di guardia.

Sulla vicenda abbiamo intervistato Marco Caparvi, esperto informatico ed insegnante membro del CNT (Coordinamento Nazionale Tfa), in servizio presso l'IIS Spoleto, che già si è distinto di recente per aver scoperto e segnalato un bug nell'inserimento dei dati per la prova INVALSI.
A Marco abbiamo chiesto conto della foto che sta circolando in rete, indicata da molti come la prova di un illecito di un candidato e che sta togliendo il sonno a molti candidati.
Queste le deduzioni di Caparvi, membro del CNT, molto interessanti che pongono l'attenzione su scenari inquietanti anche per gli altri candidati che, ignari di tutto, potrebbero essere stati anche danneggiati a loro insaputa sabotando la loro prova.  
Questa la foto circolata in rete ed in cui abbiamo solo evidenziato nel rettangolo in rosso il software con cui sarebbe stato possibile accedere dall'esterno al computer del candidato impegnato durante la prova:
PSN foto illecito concorso

Concorso 2016#Concorsodocenti2016. Sono molte le polemiche su questo concorso docenti 2016 per come è stata ideata e realizzata fino ad ora la prova scritta, in particolare per la mancanza di griglie di valutazione pubbliche. Ora il Miur però, con la nota del 19 maggio, ha confermato l'adozione degli stessi criteri adottati per il concorso a cattedra 2012, eventualmente integrati e giustificati da altri correttori inseriti dalla commissione.
Nella nota con cui il Miur dà il via alle operazioni di correzione delle prove scritte, proprio dal 19 maggio, si forniscono, infatti,  le indicazioni per l'utilizzo delle griglie di valutazione degli elaborati.
Ma molte le criticità non sono affatto state risolte come denuncia in un comunicato, il coordinamento Nazionale del TFA. Qui di seguito il loro comunicato di denuncia: 

Coord. Naz. TFA - I criteri – ben poco oggettivi - sulla base dei quali le commissioni formuleranno le griglie di valutazione del concorso docenti saranno dunque gli stessi del concorso 2012: coesione, coerenza, correttezza, originalità.
Indicazioni ministeriali arrivate in corso d’opera e griglie che saranno pubblicate ex post ad opera di ogni commissione: anche questa volta si ripresentano i deficit di trasparenza del concorso precedente, dopo che era stata promessa la pubblicazione di griglie nazionali prima dell’inizio delle prove.

BruschiL'ispettore del Miur, il dott. Max Bruschi, è intervenuto sulla sua pagina fb con un post riguardo la pratica, sembra molto diffusa, di dichiarare titoli non posseduti per l'accesso al concorso 2016. L'ispettore in un duro post ha messo in evidenza i rischi che corre chi, con tanta leggerezza (e poca furbizia) dichiara titoli pensando di farla franca sia rispetto al requisito d'accesso e sia per i titoli aggiuntivi che danno punteggio nella prova concorsuale.
Il rischio concreto, avverte, il dott. Bruschi è quello di dover affrontare un processo penale per false dichiarazioni, visto che l'USR è obbligato a trasmettere la notizia di reato alla Procura della Repubblica.
Questo il post dell'ispettore Bruschi:
"‪#‎concorsodocenti2016‬. Ho avuto diverse segnalazioni a proposito di candidati inseritisi nelle procedure concorsuali a cattedra senza avere i titoli prescritti. Ci sarebbe chi risulta aver dichiarato il possesso dell’abilitazione e, nella zona dedicata, aver inserito lauree, diplomi, master etc. privi di qualsivoglia valore abilitante. Si sia trattato di superficialità o di furbizia, poco conta. Conta invece che gli USR responsabili della procedura possono non solo escludere i suddetti candidati in qualunque momento, ma sono obbligati (ed è giusto che lo facciano), nel caso di false dichiarazioni, a trasmettere gli atti alla Procura della Repubblica.

 

Concorso Docenti 2016:

Valutazione prove scritte e svolgimento prova pratica.

 

images 1

 

Dal 19 maggio è disponibile, per le Commissioni Giudicatrici del Concorso Docenti 2016, la piattaforma per la valutazione delle prove scritte ancora in corso. Ogni commissione potrà valutare un massimo di 500 elaborati; qualora il numero di elaborati fosse maggiore i Presidenti sono tenuti a istituire delle sottocommissioni.

Come verranno assegnati gli elaborati alle commissioni? "Il sistema rimescola tra loro gli elaborati... in modo da far risultare completamente casuale l'ordine di correzione ed attribuendo a ciascun elaborato, un progressivo anonimo, diverso dal codice di controllo contenuto nella busta cartacea internografata." (Nota Miur 14097 del 18/05/2016).

Quali i criteri di valutazione delle prove? A livello nazionale sono stabiliti i seguenti criteri:

Concorso INFANZIA e PRIMARIA

Raccolta di avvisi con l'assegnazione candidati/sedi

 

I vari Uffici Scolastici Regionali stanno pubblicando gli abbinamenti candidati/sedi per le classi di concorso Primaria e Infanzia che si svolgeranno, rispettivamente, il 30 e il 31 maggio.

L'abbinamento non tiene conto della residenza dei candidati, ma unicamente dell'elenco alfabetico; pertanto nelle grandi Regioni si possono rilevare notevoli difficoltà per raggiungere le sedi.

Il MIUR ha reso disponibile un video tutorial per i Candidati che dovranno sostenere la prova computer based:

ABC DEL CONCORSO Pagina 01

Direttamente dal gruppo Facebook di "PSN- Concorso docenti" un' utile DISPENSA in cui troverete molti degli argomenti in programma per il concorso 2016...

Dal lavoro degli admin del gruppo e dei tanti utenti che ci seguono, ecco un file in continuo aggiornamento per ripetere gli argomenti oggetto di studio... 

Cosa aspetti? Iscriviti al gruppo e vieni a studiare con noi, in pieno stile PSN!

INSIEME si è PIU' FORTI E SI VINCE!

images 1

Per venire incontro a quanti stanno studiando per il concorso abbiamo pensato di raccogliere, in un unico articolo, il materiale presente sul sito http://www.professionistiscuola.it/, per renderlo maggiormente fruibile.

Di seguito troverete alcuni esempi di lezioni simulate preparate in occasione del precedente concorso (2012).

I links, di seguito elencati, si riferiscono a progetti elaborati dai docenti partecipanti al concorso 2012; esempi di progettazione che partono sempre dall'analisi del contesto e dai bisogni formativi dell'utenza, le scelte metodologiche e le tecniche

foto 3Il Miur ha appena pubblicato la nota 9705 del 12/04/2016 che chiarisce le modalità di svolgimento della prova scritta computer based, di cui PSN ha dato in anteprima alcune schermate, e risponde almeno in parte ai dubbi posti sulla sicurezza informatica e sulla garanzia di anonimato e inalterabilità delle prove poste dal Coordinamento Nazionale TFA in questo articolo. Questo il testo della nota:
Per il concorso docenti 2016 i candidati svolgeranno la prova scritta direttamente sul computer. A parità di classe di concorso/tipo posto tutte le prove avverranno in contemporanea su tutto il territorio nazionale. 

In una stessa giornata, nella stessa aula, si potrebbero svolgere 2 differenti prove (per classi di concorso/tipo posto diversi) una nella mattinata ed una nel pomeriggio, che chiameremo convenzionalmente “turno mattutino” e “turno pomeridiano” . Quindi una giornata può risultare divisa in due turni.
Trattandosi della prova scritta nell’istituto saranno presenti:

Concorso 2016Ai sensi e per gli effetti di quanto previsto all’art. 7, comma 1, dei DD.DD.GG. n. 105, n. 106 e n. 107 del 23 febbraio 2016, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale (IV serie speciale – Concorsi) n. 16 del 26 febbraio 2016, si comunica che le prove scritte del concorso a posti e cattedre per titoli ed esami per il reclutamento del personale docente nella scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di I e II grado, per posti comuni e di sostegno, si svolgeranno secondo il calendario allegato.

L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione e con l’indicazione della destinazione dei candidati, sarà reso noto con successivo avviso pubblicato sui siti internet e sugli albi degli Uffici Scolastici Regionali competenti all’espletamento della procedura concorsuale, nonché sulla rete intranet e sul sito internet del Ministero (www.istruzione.it). 

Sentenza TarDuro colpo per le speranze dei candidati non abilitati di partecipare al concorso docenti. I giudici del TAR, con due distinte ordinanze hanno respinto i ricorsi di docenti laureati e di Insegnanti Tecnico Pratici (ITP) non abilitati che, con richiesta cautelare, chiedevano la partecipazione al concorso docenti 2016 senza il possesso della specifica abilitazione SSIS, TFA o PAS e che invocavano l'applicazione della stessa clausola di salvaguardia che aveva consentito già la partecipazione ai non abilitati al concorso 2012.

Concorso 2016Si avvicina la data per la pubblicazione del calendario per la prima prova del nuovo concorso docenti che dovrebbero svolgersi a partire dal 28 aprile e che per la prima volta sarà interamente computer based utilizzando uno specifico applicativo di cui abbiamo fornito le schermate in anteprima su PSN. Ma tanti sono i dubbi sulle modalità con cui si svolgerà la prova al PC, legati soprattutto sulla sicurezza informatica e sulle modalità di protezione dell'anonimato e autenticità della prova sostenuta dai candidati. Dubbi non banali e che dovrebbero essere chiariti prima dell'inizio delle prove per garantire imparzialità nella loro correzione e assicurare l'impossibilità di alterazione delle stesse ma che al momento il Miur non ha affrontato né tanto meno sembra aver alcun intenzione di fare. 
Sul punto è intervenuta l'associazione "Coordinamento Nazionale TFA" che in un proprio comunicato ha chiesto di rendere noti dettagli tecnici per assicurare un regolare svolgimento, trasmissione, correzione ed archiviazione delle prove concorsuali.