Mobilità

PSN Sentenza su servzio paritarioINEDITA SENTENZA DI MERITO DEL TRIBUNALE DI MILANO FAVOREVOLE AL RICONOSCIMENTO DEL PARITARIO

Di particolare importanza, soprattutto a fronte dell’incertezza interpretativa nella giurisprudenza di merito sul riconoscimento del servizio pre-ruolo svolto in scuole paritarie, è l’inedito orientamento del tribunale di Milano che, in controtendenza con le pronunce del medesimo foro, ha gettato le basi per un cambiamento di rotta che si spera sia in grado di smuovere la posizione cristallizzata assunta, fino ad oggi, sulla vexata quaestio.

La sentenza in commento, emessa dal giudice, dr.ssa Locati, il 06.09.2017, segna finalmente un’inversione di tendenza all’interno della magistratura milanese poco incline alle ragioni dei docenti lesi dal piano straordinario di immissione in ruolo della Legge 107/15.

La decisione del giudice di merito è motivata in modo adeguato e dettagliato sulla base del dato testuale della Legge n. 62/2000 e del D.L. n. 255/2001 le cui disposizioni di rango primario sono state violate dal CCNI dell’08.04.16 e dall’O.M.  n.241 dell’08.04.16 per la mobilità del personale docente a.s. 2016/17 nella parte in cui dispone che “Il servizio prestato nelle scuole paritarie non è valutabile”.

PSN Assegnazioni provvisorie

Utilizzazioni e assegnazioni- Pubblicati i movimenti annuali della Scuola Secondaria I  e II Grado posto comune  AT Napoli

Richiesta rettifica assegnazione provvisoriaLa pubblicazione delle prime graduatorie relative alle assegnazioni provvisorie sul sostegno ha aperto una questione interpretativa non di poco conto. In alcune graduatorie sono stati inseriti “a pettine” non solo i docenti titolari su sostegno, ma anche i docenti titolari su posto comune che chiedono AP anche su sostegno.

La normativa prevede che i docenti titolari su posto comune, in aggiunta e secondariamente alla richiesta di assegnazione sul proprio tipo di posto, abbiano la possibilità di richiedere anche il posto di sostegno.

Va sottolineato però che, per quanto riguarda la mobilità annuale interprovinciale, solo i docenti che appartengono ad una CDC in esubero nella provincia di titolarità possono fare domanda di utilizzazione interprovinciale su posti di sostegno, avendo il titolo di specializzazione.
Tutti coloro che dovessero aver fatto domanda senza questa condizione necessaria, non hanno diritto a partecipare alla graduatoria. Nell’allegato 1 del CCNI sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie, viene esplicitamente richiamato e indicato l’ordine in cui devono essere eseguiti i movimenti.

PSN Assegnazioni provvisorie

Utilizzazioni e assegnazioni- Pubblicati i movimenti annuali della Scuola Secondaria I Grado Sostegno 

PSN Assegnazioni provvisorie

Utilizzazioni e assegnazioni- Pubblicati i movimenti annuali della Scuola Secondaria II Grado Sostegno AT Napoli

PSN Assegnazioni provvisorieIniziano ad essere pubblicate le graduatorie per le utilizzazioni ed assegnazioni provvisorie, molto attese dai tanti docenti che ancora si trovano fuori regione o provincia di residenza o in esubero nazionale. Nelle graduatorie in corso di pubblicazione, a cura dei vari U.A.T., è possibile riscontrare errori relativi al punteggio e/o al mancato riconoscimento dei diritti di precedenza.

PSN mette a disposizione modello di reclamo, valido sia per utilizzazione sia per assegnazione provvisoria.

I tempi di pubblicazione delle graduatorie provvisorie variano da provincia a provincia; si ricorda che le utilizzazioni hanno precedenza sulle assegnazioni provvisorie, ma che queste ultime, in caso di accoglimento, annullano le prime. In merito ai termini per presentare reclamo per errori nelle graduatorie ricordiamo che la normativa prevede quanto segue:

assegnazioni provvLa mobilità in organico di fatto sta per chiudere i battenti, almeno per ora. Mancano infatti pochissimi giorni alla scadenza dei termini di presentazione della domanda di assegnazione provvisoria per la scuola secondaria di primo e secondo grado, prevista per il 2 agosto. Visto che infanzia e primaria hanno già inviato le loro domande (la loro scadenza era il 20 luglio), si può ben dire che "i giochi sono fatti".

Ma i docenti si chiedono già come avverrà l'elaborazione dei movimenti, visto che in tanti hanno presentato la domanda per la prima volta.

La procedura in apparenza è semplice: la domanda di assegnazione provvisoria, contrariamente a quella per la mobilità in organico di diritto, si invia all'Ufficio Scolastico Provinciale della sede richiesta (e non di titolarità). L'invio è online per la maggior parte delle domande, salvo qualche caso estremo cartaceo (per esempio docenti della secondaria che vogliono chiedere AP in altro ordine di scuola per cui non sia più possibile accedere a domanda online perchè scaduti i termini).