Graduatorie e Organici

Accesso a IOLCon l’Ordinanza Ministeriale n. 60 del 10 Luglio 2020 pubblicata ieri, vengono date le indicazioni su come si procederà per l’aggiornamento delle nuove GPS (Graduatorie Provinciali Supplenze). Tanti però sono i docenti che non hanno ancora compreso i meccanismi che regoleranno le nuove graduatorie provinciali e la coesistenza con le graduatorie di istituto.

Per evitare che si possano generare delle incertezze, rispondiamo ad alcuni quesiti che daranno chiarezza a quanti potranno avere dei dubbi sulla questione relativa all’aggiornamento delle graduatorie.

  • Le Graduatorie Provinciali Supplenze sostituiranno le Graduatorie di Istituto?

No. Le graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) saranno utilizzate per supplenze annuali (31 agosto) e sino al termine delle attività didattiche (30 giugno).

Le graduatorie d’istituto invece saranno usate per le supplenze brevi (maternità, malattia, etc.).

Graduatorie ProvincialiLa ministra Azzolina, stasera ha firmato l'Ordinanza Ministeriale n. 60 del 10 Luglio 2020 che regola l’aggiornamento delle nuove graduatorie provinciali per le supplenze, cosiddette GPS.

I termini di presentazione delle istanze saranno comunicati successivamente con apposito provvedimento da parte del ministero, resta comunque valido il termine minimo di 15 giorni per la presentazione delle istanze.

La ministra Azzolina intervenuta a proposito dell’uscita dell’ordinanza sull’aggiornamento ha affermato: “Rendiamo più efficiente la chiamata dei supplenti, garantendo una copertura più rapida delle cattedre che restano vacanti dopo le assunzioni. E digitalizziamo finalmente graduatorie che ancora venivano aggiornate con moduli cartacei». Parallelamente stiamo digitalizzando anche il sistema delle immissioni in ruolo. Sul digitale eravamo molto indietro come Paese. Anche i problemi sorti durante il lockdown con la didattica a distanza lo hanno dimostrato. Ma abbiamo allungato il passo. E in pochi mesi abbiamo messo in campo interventi che non si vedevano da anni “.

 Potranno presentare la domanda di aggiornamento i precari storici, i laureati e anche i laureandi, quest’ultima rappresenta una novità infatti il ministero dà la possibilità di accedere per infanzia e primaria ai laureandi e agli studenti del 4 anno di SFP, alla seconda fascia delle Graduatorie Provinciali per le Supplenze (GPS), ovvero in coda agli abilitati.

GPSAttesa tra pochi giorni l'Ordinanza Ministeriale che disporrà le modalità con cui procedere all'aggiornamento del punteggio e l'inserimento nelle nuove Graduatorie Provinciali Supplenze (GPS), e che ne indicherà le tempistiche.

Trapela la data a partire dalla quale poter fare domanda sul portale Istanze Online e trapelano ulteriori precisazioni al riguardo.

Il parere del CSPI

Il CSPI si è espresso in maniera favorevole rispetto alla bozza dell'ordinanza ministeriale, avanzando proposte di modifica, soprattutto limitatamente alla tabella di valutazione dei titoli.

Va ricordato in ogni caso che il parere del CSPI è obbligatorio ma non vincolante, per cui il Miur sarà libero di accogliere o meno i rilievi avanzati, decidendo se apportare le richieste modifiche. Dopodichè procederà con la pubblicazione dell'ordinanza, prevista ormai tra pochi giorni.

La data di apertura della finestra temporale entro cui presentare la domanda di aggiornamento delle Graduatorie Provinciali parrebbe essere il 24 luglio, lasciando 15 giorni agli aspiranti per l'inoltro della stessa.

Graduatorie ProvincialiRiportiamo la bozza del Decreto per l'istituzione delle (GPS) Graduatorie Provinciali Supplenze e relative  tabelle valutazioni titoli, distinte per fasce e tipo di graduatoria provinciale.

Le graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) non sostituiscono le graduatorie d'istituto ma le due tipologie di graduatorie coesisteranno per tipologie diverse di supplenze.

Le graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) saranno articolate in 2 fasce e utilizzate per il conferimento delle supplenze fino al termine delle attività didattiche (30 giugno) e fino al termine dell'anno scolastico (al 31 agosto), in subordine alle GAE.

Per le supplenze brevi e temporanee si continuerà ad attingere dalle graduatorie d'istituto, i soggetti inseriti nelle graduatorie provinciali, ai fini della costituzione delle graduatorie d'istituto sceglieranno sino a 20 istituzioni scolastiche della provincia nella quale hanno presentato domanda di inserimento e restano articolate in 3 fasce.

{attachments}

Graduatorie ProvincialiA seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge 6 giugno 2020 n.41, di conversione del Decreto-Legge 8 aprile 2020 n.22 ( noto come Decreto Scuola), è ormai confermata, come è noto, la provincializzazione delle (ormai ex) Graduatorie d'Istituto.

Resta ora da capire quando sarà prevista la data per la loro riapertura ai fini dei nuovi inserimenti e per l'aggiornamento del punteggio per chi fosse stato già inserito nel triennio precedente nella Seconda e Terza fascia delle G.I.

Pubblicazione Ordinanza Ministeriale e procedura

L'iter solitamente prevede che venga pubblicata apposita Ordinanza Ministeriale, all'interno della quale saranno contenute le precise istruzioni con cui poter fare domanda di inserimento e aggiornamento nelle nuove Graduatorie Provinciali che, ricordiamo, sarà completamente digitalizzata.

La piattaforma utilizzata sarà sempre Istanze Online, a cui all'atto della domanda, occorrerà già essere iscritti utilizzando le relative credenziali e il codice personale.

L'obiettivo di questa nuova procedura, alla luce anche dell'odierna situazione emergenziale, è quello di velocizzare la predisposizione delle suddette graduatorie, cercando di avere gli elenchi già pronti entro fine agosto.

Call veloceÈ di queste ore la firma del Ministro dell’Istruzione Azzolina al Decreto ministeriale che dispone le modalità di svolgimento della cosiddetta ‘chiamata veloce’ che rappresenta una novità assoluta e, insieme alla digitalizzazione e provincializzazione delle graduatorie dei supplenti, è uno degli strumenti votati in Parlamento, lo scorso dicembre, per rendere più efficiente il sistema di copertura delle cattedre con le immissioni in ruolo.

È la stessa Ministra a darne l’annuncio sul suo profilo Facebook. 

La chiamata veloce offre un’opportunità in più agli insegnanti per essere assunti: su base del tutto volontaria, potranno spostarsi in un’altra regione o anche provincia per ottenere più rapidamente la cattedra. Andando ad occupare posti altrimenti destinati a essere dati a supplenza. 

Ma chi può usufruire della call veloce?

docente al telefonoDurante l’incontro tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione, tenutosi il 25 maggio, si è discusso sulla call veloce (chiamata lampo) che caratterizzerà le nuove immissioni in ruolo previste dal Decreto scuola  in discussione al Parlamento in questi giorni. Ricordiamo che la "call veloce", è stata introdotta dal comma 17 bis dell'art. 1 della Legge 159/2019, al fine di dare la possibilità ai vincitori di concorso, agli iscritti nelle GAE e agli idonei di concorso di spostarsi su loro richiesta in altre regioni per essere assunti, con l'obbligo però di permanenza nella sede scelta per almeno cinque anni.

Ultimate le operazioni annuali di immissione in ruolo, le assunzioni della call veloce saranno effettuate sui posti che risulteranno ancora vacanti e disponibili.

Le disponibilità saranno pubblicate sui siti internet dei rispettivi uffici e gli interessati potranno produrre le istanze per concorrere a tali posti e indicare i posti per cui vogliono partecipare (classi di concorso e tipologia di posti) e le graduatorie di provenienza che daranno l’accesso alla call veloce.

o senato Il decreto Scuola, approvato in Consiglio dei Ministri il 6 Aprile, ha previsto la proroga dell’aggiornamento delle graduatorie degli elenchi di II e III fascia esistenti, rinviando l'aggiornamento al prossimo anno scolastico 2021/2022, provocando la rabbia e la delusione dei tanti precari che speravano di poter aggiornare le graduatorie.

Nei giorni successivi a tale comunicazione, la ministra Azzolina, dopo essersi scusata in un primo momento per il mancato aggiornamento,  ha poi rincuorato i tanti precari, riferendo il suo impegno affinché il Parlamento potesse intervenire per procedere all’aggiornamento delle graduatorie d’istituto sia dei docenti che del personale ATA. Proprio in riferimento a ciò la senatrice  Granato del M5S, membro della VII Commissione cultura del Senato, attraverso un post dal suo profilo Facebook fa sapere che sono stati presentati due degli emendamenti a sua prima firma al Decreto Scuola, AS 1774, uno dei quali riguarda l’ aggiornamento delle  graduatorie provinciali e riapertura della 3 fascia.