Rientro a scuola, firmato protocollo sicurezza: Test Covid volontari per docenti e a campione per studenti; formazione per uso DPI; un solo accompagnatore; psicologo per personale e alunni

Rientro a scuola, firmato protocollo sicurezza: Test Covid volontari per docenti e a campione per studenti; formazione per uso DPI; un solo accompagnatore; psicologo per personale e alunni

E' stato firmato ieri dal Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, dalle organizzazioni sindacali della scuola (esclusa la Gilda, che ha rotto ogni relazione) e dalle associazioni dei dirigenti...

Concorso DS: Aperta piattaforma su scelta regioni su IOL dal 5 al 7 agosto. Rettifiche graduatoria creano dubbi e incertezze su immissioni

Concorso DS: Aperta piattaforma su scelta regioni su IOL dal 5 al 7 agosto. Rettifiche graduatoria creano dubbi e incertezze su immissioni

Si apre la piattaforma per la scelta delle regioni per i candidati vincitori del concorso a dirigenti scolastici per il contingente da assumere per il prossimo anno scolastico 2020-21. E' stato...

GPS e GI 2020-22: Utili chiarimenti su stampa del PDF, punteggio attribuito, pubblicazione graduatorie e documenti da allegare

GPS e GI 2020-22: Utili chiarimenti su stampa del PDF, punteggio attribuito, pubblicazione graduatorie e documenti da allegare

Prosegue la compilazione della domanda per le Graduatorie Provinciali, la cui data di chiusura di inoltro continua ad essere fissata per il 6 agosto nonostante le tempistiche ristrette e i continui...

Rientro a scuola: Pubblicate le linee guida per i servizi da 0 a 6 anni. No a giochi da casa, ingressi e uscite differenziate e scaglionate

Rientro a scuola: Pubblicate le linee guida per i servizi da 0 a 6 anni. No a giochi da casa, ingressi e uscite differenziate e scaglionate

La Conferenza Unificata Stato-Regioni-Upi-Anci, alla presenza del ministro per gli Affari regionali Boccia e della vice ministra dell'Istruzione Ascani, ha espresso parere favorevole in merito...

Scuola e lockdown: con il Covid occorrono nuove strategie d’insegnamento, a rischio l’apprendimento dei più piccoli

Scuola e lockdown: con il Covid occorrono nuove strategie d’insegnamento, a rischio l’apprendimento dei più piccoli

Un’indagine dell’Università Niccolò Cusano “Emozioni in quarantena” ha svelato per la prima volta gli effetti del lockdown sui bambini fra i 3 e i 6 anni e l’importanza di ripensare...

  • Rientro a scuola, firmato protocollo sicurezza: Test Covid volontari per docenti e a campione per studenti; formazione per uso DPI; un solo accompagnatore; psicologo per personale e alunni

    Rientro a scuola, firmato protocollo sicurezza: Test Covid volontari per docenti e a campione per...

  • Concorso DS: Aperta piattaforma su scelta regioni su IOL dal 5 al 7 agosto. Rettifiche graduatoria creano dubbi e incertezze su immissioni

    Concorso DS: Aperta piattaforma su scelta regioni su IOL dal 5 al 7 agosto. Rettifiche graduatoria...

  • GPS e GI 2020-22: Utili chiarimenti su stampa del PDF, punteggio attribuito, pubblicazione graduatorie e documenti da allegare

    GPS e GI 2020-22: Utili chiarimenti su stampa del PDF, punteggio attribuito, pubblicazione...

  • Rientro a scuola: Pubblicate le linee guida per i servizi da 0 a 6 anni. No a giochi da casa, ingressi e uscite differenziate e scaglionate

    Rientro a scuola: Pubblicate le linee guida per i servizi da 0 a 6 anni. No a giochi da casa,...

  • Scuola e lockdown: con il Covid occorrono nuove strategie d’insegnamento, a rischio l’apprendimento dei più piccoli

    Scuola e lockdown: con il Covid occorrono nuove strategie d’insegnamento, a rischio...

Chiuse ieri le tre giornate di lavori sulla Scuola Digitale alla Reggia di Caserta.  Workshop, laboratori, dibattiti si sono susseguiti nello splendido scenario casertano tra docenti innovatori, studenti e visitatori per fare un bilancio del primo anno del Piano Scuola Digitale.

bibidibobidicodiCome vi abbiamo raccontato, qui, sabato c'è stato l'intervento della ministra Giannini che ha affermato:

Questo è stato un anno molto operoso, abbiamo trasformato un apparentemente arido comma di legge in architettura formativa di un Paese. È la piena attuazione di quello che io ritengo sia uno dei pilastri della Buona Scuola, che lascerà l’eredità più importante nel nostro sistema di istruzione: il ripensamento del modello educativo”. Sono 100 i milioni stanziati per attuare il piano nel suo secondo anno di attuazione al fine di favorire "il rafforzamento delle competenze digitali degli studenti”.

style="text-align: justify;">Ogni studente imparerà a programmare: dal prossimo anno tutte le scuole primarie avranno la possibilità di fare 60 ore all’anno di coding.

Un passo necessario per avere tra 10 anni una popolazione di giovani italiani perfettamente alfabetizzati in quello che si chiama il nuovo pensiero critico. Per questo obiettivo abbiamo destinato 100 milioni di euro”. Di questi 65 milioni andranno al I ciclo. Altri 35 alla secondaria di II grado per lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti."
 
Le premesse sono molto interessanti ma noi di Psn in quanto docenti ci chiediamo se la Ministra conosca le condizioni di tante scuole del nostro Paese: abbiamo strutture scolastiche in cui non c'è connessione non solo alla fibra di cui ci dice la Giannini, ma non esiste proprio la rete internet. Spesso non c'è nessun pc o tablet. Ci sono scuole senza palestre, senza aule laboratorio, con classi sovraffollate, per non parlare di banchi e sedie fatiscenti...
Queste sono solo alcune tra le emergenze strutturali dei nostri edifici, poi ci sono quelle che scopriamo post-sisma...
Sono convinta che ciascun docente potrebbe aggiungere al mio elenco di necessità tecnico-strutturali della sua scuola, almeno altrettante esigenze formative.

Sebbene la promozione del pensiero computazionale e il coding, che ne è suo naturale esercizio, può essere fatta anche senza pc e connessione come faccio anche io raccontandolo qui, (e come me tanti i colleghi molto più esperti di me le cui esperienze sono raccolte nella nostra sezione di didattica), qualche dubbio resta.
Il coding ci piace tanto, anzi tantissimo, lo facciamo, ma a veder concentrare tanta attenzione solo su un tema è come voler preparare Cenrentola al ballo armandosi solo di smalto.

Certo, da una parte si deve pure iniziare la "trasformazione", quindi da dove sarebbe meglio?

Beh, magari non calando 60 ore obbligatorie dall'alto, magari formando prima i docenti o ascoltandone le esigenze formative; ma anche si potrebbero mettere in luce i bisogni dei ragazzi che possono variare nei vari contesti di riferimento (socioculturali, geografici...)

Insomma per una volta, per stabilire ciò che occorre alla " popolazione dei giovani italiani tra 10 anni", si potrebbe chiedere prima a chi, questi GIOVANI ITALIANI li vede tutti i giorni: i DOCENTI!

Forse si scoprirebbe che la formula non è giusta per tutti o magari lo è per moltissimi, forse lo è per tanti ma non è prioritaria in certi contesti...
Insomma se ci interpellassero, per una volta, questa si che sarebbe una magia!

Per ora è il solito BIBIDI BOBIDI  BUUUuuuuuuuu al Miur!
 

Qui trovate il video integrale dell'intervento del Ministro Stefania Giannini 
Qui il comunicato con i numeri del primo anno di attuazione del PNSD 
E qui il sito dedicato all'evento www.settimanapnsd.it

Potrebbe anche interessarti: 

 PNSD stanziamento di 100 milioni per il rafforzamento delle competenze digitali degli studenti
Formazione Docenti: il 3/10 Giannini presenta Piano nazionale, 125 ore obbligatorie nel triennio