Stampa
Categoria: Varie
Visite: 8656

skySi è appena conclusa un'intervista alla ministra Azzolina in diretta Skype su Skytg24. Alla domanda sulla riapertura delle scuole dopo il 3 Aprile, la ministra più volte ha affermato che non è possibile al momento dare una data di apertura delle scuole.

“lo capiremo – precisa la ministra – in questi giorni dipende molto da come andranno i contagi, ma la direzione è questa. Non è possibile dare un’altra data perchè tutto dipenderà dallo scenario epidemiologico...  Le scuole saranno riaperte solo quando sarà sicuro andare a scuola ”.

Ribadisce poi i contenuti delle indicazioni operative emanate con una nota qualche giorno fa, sulla didattica a distanza, come unico mezzo attuale per mantenere unita la comunità scolastica. L'alternativa sarebbe stata quella di abbandonare studenti e famiglie. Ripete, come più volte sottolineato, il valore del rapporto umano tra docenti e studenti.

Sulla maturità, la Azzolina afferma che sarà un esame serio, anche se le modalità non sono state ancora definite.

E infine alla domanda sul prolungamento dell'anno scolastico afferma: "Se la didattica a distanza funzionerà, non sarà necessario far slittare la chiusura dell’anno scolastico. Equivarrebbe a sminuire il lavoro che i docenti stanno attuando in questo periodo."

Diciamo anche che la stessa ministra si smentisce continuamente ritrattando alcune sue dichiarazioni sul possibile rientro a scuola, quando è chiaro a tutti che non è assolutamente facile fare previsioni anche sullo stesso esame di maturità che potrebbe slittare a settembre come anticipato giorni scorsi.

Coronavirus possibili scenari per la scuola: lezioni fino a luglio, esami di Stato a settembre con commissione interna

Emergenza Coronavirus: siamo pronti a prorogare la sospensione didattica e rinviare rientro a scuola

Nota MIUR: Indicazioni operative per DAD, valutazione, privacy, progettazione attività, disabilità

Indicazioni MIUR: I consigli di classe devono riesaminare programmazioni e rimodulare gli obiettivi formativi

Didattica a Distanza: è una responsabilità dei dirigenti garantirla, è dovere dei docenti portare avanti il lavoro!