Stampa
Categoria: Normativa
Visite: 14790

 Nel mese di maggio sono previste le prove INVALSI per le classi II e V della scuola primaria e per la classe II della scuola secondaria di II grado. Precisamente:

In merito agli alunni con Bisogni Educativi Speciali di seguito la tabella pubblicata dall'Istituto con i riferimenti specifici su cosa fare in caso di alunni con disabilità certificata, con Disturbi Evolutivi Specifici (con certificazione o diagnosi) e con svantaggio socio-economico, culturale e linguistico. 

bes invalsi

Iscriviti alla nostra Fan Page

Nella Nota si legge "Si sottolinea che le prove INVALSI (II e V primaria e II secondaria di secondo grado) non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni, ma al monitoraggio dei livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico, nel suo insieme e nelle sue articolazioni...
Le esigenze degli allievi con particolari bisogni educativi sono, per loro natura, molteplici e difficilmente individuabili a priori in modo completo ed esaustivo. Da ciò discende che la valutazione del singolo caso può essere effettuata in modo soddisfacente solo dal Dirigente scolastico che conosce esattamente la situazione del singolo studente e, pertanto, può adottare tutte le misure idonee per coniugare, da un lato, le necessità di ogni allievo con bisogni educativi speciali e, dall’altro, il regolare svolgimento delle prove per gli altri studenti, senza che per questi ultimi venga modificato il protocollo di somministrazione standard che è garanzia fondamentale per assicurare l’affidabilità delle rilevazioni INVALSI".

Queste, invece, le novità previste per il 2018: