Stampa
Categoria: Mobilità
Visite: 4368

mobilitàdocentiRestano accese debolmente le possibilità di un accordo sulla mobilità. In comunicato congiunto, le OO.SS. attraverso i cinque segretari generali, dopo l’incontro svoltosi in mattinata al MIUR, hanno chiesto al Capo di Gabinetto Alessando Fusacchia che la proposta dell’Amministrazione sia formalizzata in un testo scritto, valutato il quale possa riprendere il confronto al tavolo negoziale sul contratto per la mobilità del personale docente, educativo e ATA per il 2016/17.

Secondo le indiscrezioni circolate, i dirigenti del ministero dell’Istruzione hanno comunicato alle organizzazioni sindacali la loro ultima proposta, al fine di scongiurare un atto unilaterale che non soddisferebbe nessuno. Ad iniziare dai docenti interessati, perché andrebbe ad applicare in modo “rigido”, senza alcuna deroga, quanto espresso a chiare lettere dal comma 73 della Legge 107/15: “dall'anno scolastico 2016/2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali”, anche per i docenti perdenti posto.

In base alle indiscrezioni, in sintesi la proposta del Miur per trovare una convergenza sarebbe la seguente:

Iscriviti alla nostra Fan page

  1. tutti coloro che sono stati immessi in ruolo prima dell’avvio del piano straordinario di immissioni in ruolo previsto dalla Legge 107/15, non andrebbero negli ambiti territoriali, gestiti dai dirigenti scolastici, ma potrebbero continuare ad indicare la scuola desiderata per il trasferimento, purché ciò avvenga nella provincia in cui già insegnano;
  2. i docenti assunti attraverso la fase 0 e A, invece di essere bloccati per tre anni nella provincia di nomina, come indicherebbe la Legge 107, avrebbero l’opportunità, su base volontaria, di partecipare alla mobilità anche su ambiti di altre province, però in subordine a coloro che li precedono nella graduatoria dei candidati al trasferimento;
  3. coloro che sono stati stabilizzati attraverso le ultime fasi della riforma, la B e la C, però solo se “assorbiti” da una graduatoria di merito formulatasi a seguito di un concorso a cattedra, avrebbero la possibilità di presentare domanda, tuttavia in subordine (mentre per la Legge 107 non avrebbero potuto fare domanda di mobilità);
  4. per tutti i docenti di ruolo, vecchi e neo-assunti, il Miur sarebbe disposto a consentire di indicare, oltre gli ambiti nell'ordine desiderato, anche delle preferenze (non vincolanti) sulle scuole dove vorrebbero insegnare i trasferiti nel primo ambito indicato. E questo malgrado la Buona Scuola preveda che la mobilità avvenga indistintamente tra ambiti territoriali.

In serata, dopo un breve confronto dei sindacati con il Capo Dipartimento del Ministero dell'Istruzione, si è convenuto di fissare un nuovo incontro lunedì 25 gennaio alle ore 18 per la ripresa della trattativa. 

Allegati:
Scarica questo file (richiesta_testo_CCNI.pdf)richiesta_testo_CCNI.pdf[ ]