Stampa
Categoria: Contratto e Retribuzione
Visite: 4765


Cedolino unico 02Giungono in redazione numerose richieste di assistenza per docenti che non hanno ancora ricevuto lo stipendio pur avendo fatto presa di servizio a inizio settembre. A impedire l'accredito è quasi sempre la corretta registrazione e trasmissione del contratto al MEF tramite il Sistema Informativo Centrale del Tesoro (SPT). Nonostante sia stata avviata già da alcuni anni la d
ematerializzazione dei contratti, che ha come obiettivi la velocizzazione delle fasi amministrative di stipula dei contratti di assunzione, di attivazione dei pagamenti e di registrazione dei contratti, nonché la riduzione della carta utilizzata nel procedimento, sono ancora diversi i casi in cui per diversi motivi non sia possibile procedere immediatamente alla corretta registrazione con conseguenti ritardi nei pagamenti degli stipendi. 
Di seguito riportiamo tutti i passaggi da seguire per assicurare al docente la corretta registrazione del contratto da parte delle istituzioni scolastiche, ed evitare quindi ritardi nell'accredito dello stipendio. In allegato anche diverse faq di chiarimenti per le segreterie scolastiche.

 

A seguito di presa di servizio del docente la segreteria scolastica predispone il contratto

Dirigente e supplente sottoscrivono le copie cartacee

Il supplente, che ha ricevuto una proposta di assunzione dalla competente amministrazione, si recherà presso la scuola di destinazione, dove dovrà sottoscrivere i due originali del contratto di assunzione; uno degli originali sarà conservato dall’interessato.
Il contratto viene predisposto dal Sistema Informativo dell’Istruzione (SIDI), secondo i modelli concordati tra le amministrazioni, nel rispetto delle disposizioni del CCNL della Scuola. 
Secondo la normativa vigente, il dipendente consegnerà alla Segreteria scolastica la documentazione richiesta (solo una volta nel biennio e solo i documenti che non siano già stati forniti all’amministrazione durante le operazioni di reclutamento), eventualmente sotto forma di autocertificazione laddove consentito.
Attraverso l’apposita sezione del sito internet del MIUR, il dipendente potrà seguire l’iter del proprio contratto, per verificare se è stato trasmesso al Tesoro per il pagamento e se è stato registrato dalla Ragioneria.

il Dirigente scolastico convalida il contratto

Il Dirigente scolastico assume un ruolo fondamentale nel procedimento, in quanto sarà il garante della autenticità e della correttezza dei contratti trasmessi al Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Dopo aver sottoscritto gli originali cartacei dei contratti di assunzione, con la propria utenza di accesso al Sistema Informativo dell’Istruzione (SIDI) il Dirigente li “convaliderà” per la trasmissione; in altre parole, collegandosi con il SIDI, con un solo “click” dovrà autorizzare la Segreteria scolastica a trasmettere il contratto al MEF. L’operazione di convalida garantisce che nessuno possa modificare le informazioni conservate nella banca dati SIDI; il contratto convalidato dal Dirigente giungerà integro alla Ragioneria provinciale e al Sistema Informativo Centrale del Tesoro. Naturalmente, sarà cura del Dirigente accertarsi che, nel caso in cui sia stato necessario apporre delle correzioni al contratto durante la fase di stipula, la “versione” del contratto digitale sia conforme a quella del cartaceo sottoscritto.  

la segreteria scolastica trasmette il contratto

La segreteria trasmette i contratti per via telematica anche alla Ragioneria provinciale (fino al 2007-08 il SIDI trasmetteva i contratti solo al Sistema Informativo Centrale del Tesoro – SPT); pertanto, non dovranno essere stampate più di 2 copie del contratto, né dovrà essere inviata alcuna copia per posta.
Le caratteristiche principali delle funzioni disponibili sono:

Per ulteriori dettagli è disponibile il manuale utente.

Il sistema informativo del Tesoro elabora il contratto ricevuto e dispone il pagamento dello stipendio

Il Sistema Informativo Centrale del Tesoro (SPT) elabora i contratti ricevuti per via telematica, e predispone il pagamento degli stipendi “in via provvisoria”, cioè senza attendere il “riscontro” della Ragioneria.
La Direzione Provinciale dei Servizi Vari, organo locale del Tesoro, non riceve il contratto cartaceo, tranne che in casi particolari disciplinati dalla Circolare.
I controlli “in linea” del SIDI riducono la frequenza di trasmissione di contratti incongruenti; comunque, il SPT effettuerà le dovute verifiche e potrebbe “sospendere” l’applicazione di un contratto difforme. In questo caso, la segreteria scolastica può inviare una nuova versione del contratto, ancora in modalità telematica.

La ragioneria Territoriale effettua i riscontri di legge

Il Sistema Informativo della Ragioneria Generale dello Stato riceve i contratti per via telematica, e restituisce la “registrazione” o la “nota di osservazione” alla scuola con lo stesso mezzo. Una applicazione eseguita in differita recepisce dal Protocollo Informatico nella banca dati SIDI gli esiti delle operazioni delle Ragionerie. Attraverso la funzione “Interrogare stato di avanzamento trasmissioni” gli utenti potranno visualizzare queste informazioni, ed in modo particolare il testo della Nota di Osservazione della Ragioneria.

Allegati:
Scarica questo file (faq_contrattitd_v009.pdf)faq_contrattitd_v009.pdf[ ]