Stampa
Categoria: Varie
Visite: 4443

generica 674462.660x368 1Gli agenti della  Polizia Postale di Genova hanno condotto una indagine su gruppi Telegram ed Instagram, creati con la finalità di disturbare i docenti e provocare la sospensione delle lezioni. Individuati nella struttura organizzativa del gruppo gli amministratori, tre ragazzi, di cui uno minorenne, residenti nelle province di Milano e Messina.

A condividere i codici di accesso alle video-lezioni spesso erano gli stessi studenti, anch’essi individuati dai poliziotti, che si sentivano al sicuro per via della apparente percezione di anonimato, riuscendo a pianificare attacchi durante le interrogazioni programmate. Tra i messaggi, erano presenti anche delle considerazioni sull’operato delle Forze dell’ordine: “intanto la Polizia Postale non ha tempo da perdere nel cercare di trovarci”.

Tutti gli indagati hanno subito ammesso le condotte contestate e dovranno ora rispondere dei reati di interruzione di pubblico servizio e accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico.

Durante le perquisizioni, eseguite con l’ausilio del Compartimento Polizia Postale di Milano e della Sezione di Messina con il coordinamento del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni, sono stati sequestrati computer, tablet e smartphone che verranno analizzati dagli esperti della Postale per valutare la posizione degli altri giovani iscritti nelle chat utilizzate per i raid alle lezioni.

 Graduatorie ATA III fascia 2021/2023: Domande dal 22 marzo al 22 aprile, guida e chiarimenti alla presentazione

AstraZeneca, alle 16 la conferenza. Si va verso l'OK. Chi rinuncia finirà in coda