Stampa
Categoria: Varie
Visite: 16749

PSN Immissioni in ruolo su quota 100 2019 20La ministra Azzolina ha firmato oggi il decreto ministeriale che dà il via libera definitivo all’assunzione di 4.500 insegnanti precari sui posti che si sono liberati lo scorso anno a seguito dei pensionamenti della cosiddetta ‘Quota 100’. Una notizia preannunciata dalla ministra già la scorsa settimana, e che oggi afferma:” Una battaglia che ho personalmente condotto per rendere giustizia a tutti quegli insegnanti che avevano diritto ad ottenere quei posti, ma non li hanno avuti perché non sono stati resi disponibili per le assunzioni del 2019”. Si tratta di docenti che saranno assunti dalle graduatorie a esaurimento e da quelle dei vecchi concorsi ancora vigenti”. La ministra Azzolina ha ribadito che i posti a disposizione erano 6500 ma che è stato possibile assegnarne solo 4500  perché non c’erano abbastanza profili da assumere dalle graduatorie in corso di validità, un dato, secondo la ministra che dimostra la necessità di indire nuovi concorsi per avere nuove graduatorie da cui attingere, soprattutto nella scuola secondaria.

 

I posti resisi disponibili sono quelli liberati dal 1° settembre 2019, ma che a causa di una comunicazione tardiva da parte dell’INPS non sono stati resi disponibili per le operazioni di mobilità dello scorso anno, né per le assunzioni effettuate entro agosto 2019. Il DL 126/19, convertito con la Legge 159/2019, prevede che vengano effettuate nomine su questo contingente con decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 ed economica dal 1° settembre 2020. Sempre la legge prevede l’assegnazione della provincia e della sede con priorità rispetto alle ordinarie operazioni di mobilità e di immissione in ruolo per l’a. S. 2020/2021. Tale decisione è criticata dai sindacati che già nell’incontro di informativa con il ministero lo scorso 13 maggio avevano rilevato come la possibilità data ai docenti immessi in ruolo di poter scegliere la provincia e anche il posto sulla singola scuola prima delle operazioni di mobilità fosse stata presa ignorando completamente le aspettative e i diritti di chi da anni insegna lontano dalla propria città e aspira ad un ricongiungimento.

Va inoltre detto che a dispetto di quanto deciso dal Miur, ai docenti ex perdenti posto, nel caso avessero chiesto il rientro nella sede di precedente titolarità, sarà data la possibilità di accedervi con priorità rispetto ai neo assunti.

Oggi finalmente cominciano a concretizzarsi le aspettative di tutti quei docenti che sono in posizione utile per ottenere l’immissione in ruolo ma ricordiamo che mancano ancora 2.000 posti di turnover solo in quota 100, a cui spetta al Mef l’autorizzazione.

I docenti saranno assunti dalle graduatorie ad esaurimento (per il 50 per cento dei posti) e delle graduatorie di merito dei concorsi 2016 e 2018 (per il restante 50 per cento), i neo assunti firmeranno un contratto a tempo indeterminato con decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 e decorrenza economica dal 1° settembre 2020, da quando entreranno in servizio.

Nel file allegato elaborato da PSN, scaricabile da questo articolo, potete trovare il dettaglio delle disponibilità su tutti i posti di Infanzia, Primaria, I e II Grado per ciascuna classe di concorso e su sostegno.

Qui invece il prospetto per regione dei posti per tutti i gradi scolastici su cui si faranno le immissioni:

Regione Cessazioni Quota 100 Acquisite dopo mobilità 2019.20 Contingente
Abruzzo 22 22
Basilicata 6 4
Calabria 174 152
Campania 665 540
Emilia Romagna 581 325
Friuli Venezia Giulia 130 77
Lazio 667 544
Liguria 193 87
Lombardia 831 428
Marche 238 155
Molise 6 6
Piemonte 475 245
Puglia 760 674
Sardegna 474 273
Sicilia 426 387
Toscana 149 85
Umbria 64 44
Veneto 681 452
TOTALE 6542 4500