Stampa
Categoria: Varie
Visite: 6262

Fedeli Lotti

Arriva per la prima volta un primo importante riconoscimento per i laureati in Scienze Motorie, grazie al protocollo di intesa firmato questa mattina a Palazzo Chigi, dalla Ministra Valeria Fedeli e dal ministro dello sport, Luca Lotti, che impegna i due Ministeri a collaborare per rafforzare la pratica sportiva nelle scuole.  

Il Protocollo triennale impegna i due Ministeri a promuovere il riconoscimento in ambito scolastico del valore della pratica sportiva; a collaborare alla realizzazione di progetti, manifestazioni ed eventi per la diffusione e l’ampliamento dello sport a scuola; a lavorare congiuntamente sulla formazione e l’aggiornamento del personale dirigente e docente; ad incentivare iniziative che diffondano i valori educativi dello sport e del fair play anche come strumento di prevenzione e contrasto del bullismo e del disagio giovanile, per favorire l’adozione dei corretti stili di vita e la diffusione di una cultura del rispetto, per promuovere integrazione e inclusione attraverso lo sport.Inoltre nel Protocollo è previsto uno specifico riferimento ai laureati di Scienze Motorie che potranno essere coinvolti nelle sperimentazioni didattiche finalizzate a promuovere l’esercizio della pratica sportiva nelle scuole, senza contare che è previsto il coinvolgimento del CONI e delle Federazioni Sportive.

Come sottolinea la ministra Fedeli, “lo sport è parte integrante del percorso formativo, per questo con il Ministro Luca Lotti abbiamo firmato un protocollo d’intesa che impegna i nostri due Ministeri ad una sempre maggiore promozione e valorizzazione della pratica sportiva nelle scuole. Vogliamo che la cultura del movimento sia un fattore di crescita sociale, culturale e civile; uno strumento di prevenzione della dispersione scolastica e promozione di corretti stili di vita; un volano per l’inclusione e la diffusione della cultura del rispetto”.

Con la Ministra Fedeli abbiamo sottoscritto un protocollo d'intesa tra il Ministero per lo Sport e il MIUR, una nuova tappa di un percorso comune che ha come obiettivo quello di rendere sempre più stretto il legame tra sport e scuola- dichiara Lotti.
Avevamo già messo in campo due importanti progetti di collaborazione, uno sul calcio - "Valori in rete" - e uno sullo sci - "Quando la neve fa scuola". Ora andiamo avanti: vogliamo sviluppare una vera e propria alleanza educativa. Ogni ragazzo in più che crescerà con una "cultura del movimento" sarà una vittoria per tutti noi. E come sottolinea Lotti, “ nel protocollo c'è anche un primo riconoscimento per i laureati in Scienze Motorie, che saranno coinvolti nelle sperimentazioni didattiche finalizzate a promuovere l'esercizio della pratica sportiva nelle scuole. Una prima risposta importante. Sappiamo che c'è ancora molta strada da fare, ma la direzione è quella giusta”.

Articoli correlati:

Alternanza scuola lavoro:firmato protocollo tra Miur e Guardia di Finanza. Possibilità di studio presso la Banda Musicale del Corpo ed il Centro Polisportivo “Fiamme Gialle”

Alternanza Scuola-Lavoro: firmato protocollo di intesa tra Miur e Comune di Milano

Alternanza scuola-lavoro e coding: firmato protocollo di intesa di durata triennale tra Miur e Google Italy

Alternanza Scuola-Lavoro: arriva il via libera dal Consiglio di Stato alla Carta dei diritti e dei doveri degli studenti

Alternanza scuola- lavoro: da settembre via libera alla carta che tutela gli studenti

Alternanza scuola-lavoro e coding: firmato protocollo di intesa di durata triennale tra Miur e Google Italy

Piano Scuola Digitale”: il punto sui primi 18 mesi e le priorità per i prossimi anni

Piano nazionale scuola digitale: firmato decreto da 8,4 milioni con cui saranno avviati percorsi di educazione civica digitale

Alternanza scuola- lavoro: da settembre via libera alla carta che tutela gli studenti

Alternanza scuola lavoro:firmato protocollo tra Miur e Comunità di Sant’Egidio.Tra gli obiettivi interventi per educare alla solidarietà ed alla inclusione

Alternanza scuola-lavoro: il Ministero stanzia 140 milioni per ampliare l'offerta curriculare