Stampa
Categoria: Varie
Visite: 4316

Durante un confronto sull'organico di fatto del personale docente e Ata, relativo all'anno scolastico 2014/15 tra il Miur, rappresentato dal Direttore generale, M. Maddalena Novelli e le organizzazioni sindacali scuola, si è parlato anche di mobilità.

Iscriviti alla nostra Fan page

Avendo le OO.SS. fatto richiesta di conoscere la tempistica degli incontri sulla mobilità, il DG ha comunicato che alla luce dell'evoluzione normativa  che sta per avvenire, l'Amministrazione intende variare i criteri per la mobilità. Criteri e modalità di cui ovviamente per ora  non è dato sapere.

Inoltre, anche se la tempistica specifica al momento non è stata ancora definita, secondo la Dott.ssa Novelli, si riuscirà ad anticipare le operazioni dell´ intera mobilità, lasciando tempi più distesi per le altre operazioni, fra cui le immissioni in ruolo per il prossimo anno scolastico.

Ci preme ricordare che con l'attuazione del piano straordinario di immissioni in ruolo della Buona Scuola e relativa  strutturazione dell'organico funzionale, gli insegnanti già assunti a tempo indeterminato e i futuri neo immessi in ruolo da Graduatorie ad esaurimento e del concorso 2012 temono che possa diventare sempre più difficile aspirare al trasferimento, alle assegnazioni e utilizzazioni, qualora l'assunzione dovesse avvenire in provincia diversa dalla propria.

Al riguardo riportiamo alcune delle proposte fatte in merito alla mobilità dal Comitato "Docenti Immobilizzati":

1. Il piano straordinario di assunzioni vada subordinato, in fase di realizzazione, a un piano straordinario di mobilità.

2. Tutto l’organico di diritto e l’organico funzionale vada utilizzato prioritariamente per i trasferimenti e che qualunque opzione per la nuova assunzioni, in sede di convocazione o di consultazione preventiva, vada fatta evidenziando che i trasferimenti dal 1 settembre 2015, avranno la priorità.

Attendiamo con ansia le novità che sembra siano già allo studio e speriamo non siano l'ulteriore prezzo da pagare da parte dei docenti.