Stampa
Categoria: Varie
Visite: 3309

Aggiornamento delle 22

Un resoconto dello Snals precisa che alle 15.439 unità di personale docente ed educativo (derivanti da 15.439 per turn over per pensionamenti) vanno sottratti -181 posti da destinare alla procedura di statalizzazione di istituti privati in atto e di cui avevamo già dato notizia qui;
La ripartizione dei contingenti, basata su una percentuale da rapportare ai posti vacanti, sarà fornita nella prossima riunione ipotizzata per il pomeriggio di martedì 5 agosto.
In proposito lo Snals, nel prendere atto delle proposte formulate che coprono sostanzialmente il turn-over e l’integrazione del sostegno prevista da precedenti provvedimenti legislativi, ha manifestato tutta la sua delusione e il suo dissenso per la mancata applicazione delle norme legislative vigenti che prevedono un piano pluriennale di nomine che coprisse tutti i posti disponibili e vacanti sia per il personale docente che ATA, seppur dopo un passaggio di verifica all’ARAN
La responsabilità di questo mancato passaggio che impedisce una stabilizzazione più consistente del personale è totalmente a carico del Governo che non ha nemmeno emanato il necessario atto di indirizzo all’ARAN.

Iscriviti alla nostra Fan page

La GildaIns invece nel suo resonconto evidenzia che il Miur ha comunicato di aver ricevuto il parere positivo della Funzione Pubblica e di essere in attesa del parere del MEF. I numeri autorizzati sono:

La richiesta del Miur era stata di autorizzare ben 52.010 unità di personale docente e ATA, nello specifico per i docenti:

per gli ata invece: 4.599 cessazioni e 4.317 posti vacanti.

Le immissioni in ruolo accordate sono relative al solo turn-over, disattendendo così il piano triennale previsto dalla DL 104/2013 (Carrozza) che prevede l´assunzione su tutti i posti disponibili in organico di diritto.
Nel caso di ulteriori nuove assunzioni manca l´atto d´indirizzo all´ARAN che il Governo doveva emanare per dare attuazione alle indicazioni della DL 104/2013. Le OOSS hanno chiesto, qualora l´atto sia emanato nel corso del prossimo anno scolastico, che il Miur dia l´indicazione affinchè coloro che verranno immessi in ruolo dopo settembre 2014 abbiano la nomina giuridica dal 1/09/2014; allo stesso modo è stata fatta la richiesta per i 4.000 che verranno immessi in ruolo se l´emendamento quota 96 diventerà legge.

Pubblicato alle 19.54

Diffusi i primi resoconti sindacali dell'incontro al Ministero del 30 luglio per le immissioni in ruolo previste per il 2014/2015.
Il Miur ha confermato la richiesta di autorizzazione al MEF di 28.781 assunzioni di docenti (15.439 su posto comune e 13.342 su sostegno) e 4.599 di personale ATA.
La richiesta copre soltanto il numero di pensionamenti dei docenti (15.439 comprensive di tutte le cessazioni a qualsiasi titolo al 1° settembre) sommati ai 13.342 posti di sostegno già previsti dalla seconda tranche del decreto Istruzione. Numeri molto inferiori alle effettive disponibilità di posti pari a 42.126 posti per docenti (25.960 posti comuni e 16.166 posti di sostegno) e che sommati ai 13.121 posti per gli ATA danno un totale di oltre 55 mila posti liberi. Per i docenti su posto comune sono circa il 58%, per i docenti di sostegno circa l'82% e per gli ATA circa il 35%.

Un'aliquota dunque per le immissioni dei docenti su posti comune che se sarà spalmata su tutti i gradi si attesterà al 58% anche se molto più probabilmente le aliquote saranno differenti per ciascun grado scolastico.

Ripartizione effettiva dei ruoli che soltanto la prossima settimana dovrebbe essere definita per ordine di scuola e per tipologia di posto e con la pubblicazione del decreto con le istruzioni operative.
Per il personale ATA sarà necessario attendere qualche giorno in più in considerazione che la pubblicazione dei trasferimenti è prevista per il 4 agosto. Dunque rispetto ai 25.960 posti su classi di concorso e i 16.166 per il sostegno il Miur sembra deciso a non procedere ad assunzioni sugli oltre 42.000 posti liberi attualmente, che garantirebbero le procedure di stabilizzazione che sono al vaglio anche della Corte di Giustizia Europea.