Stampa
Categoria: Varie
Visite: 1715

Dal 4 al 6 luglio 2014 si è svolto a Terrasini, in Sicilia, il "Cantiere per la scuola" organizzato e voluto dal gruppo dirigente siciliano del PD. Il convegno è stata l'occasione per far emergere diverse proposte per il futuro della scuola e soprattutto ha dato il via alle proteste di migliaia di docenti circa la proposta, fatta dal sottosegretario Reggi nella giornata conclusiva, di portare l'orario dei docenti a 36 ore (poi rimangiata e successivamente di nuovo vantata). Al "Cantiere" hanno partecipato diversi esponenti del PD che, divisi in gruppi di lavoro, hanno elaborato le loro proposte per riformare la scuola e di cui è possibile leggere il resoconto in questo documento riassuntivo.

Questi i gruppi di lavoro che hanno lavorato suddivisi per tematiche:

In particolare riportiamo il resoconto delle proposte emerse dal gruppo "Formazione, selezione, reclutamento, lavoro docenti" coordinato dalla deputata Simona Malpezzi:

Si chiede un organico rispondente alle reali esigenze degli alunni diversamente abili per garantire percorsi di integrazione e formazione nel rispetto della sentenza della Corte Costituzionale n. 80/2010. 

In sintesi queste le proposte formulate dal gruppo, che certamente sono molto condivisibili, essendo in maggior parte enunciazioni di principi di buon senso che dovrebbe essere ovvio accogliere da qualsiasi governo. Resta da vedere se non restino un mero esercizio di proposizione, come spesso accaduto, o se i suggerimenti e le proposte dei gruppi di lavoro avranno concretezza di legge e di implementazione nella scuola. 
Le proposte qui elencate possono essere lette insieme con quelle degli altri gruppi presenti al convegno in questo documento ufficiale pubblicato dal PD Scuola