Varie

DALLO STORICO AL NEOFITA INTEGRATO: LE DUE TIPOLOGIE DI PRECARIO DELLA SCUOLA

Ecco secondo Lettera 43, le due tipologie di insegnanti senza posto fisso, che tra mille difficoltà fanno sopravvivere l'istruzione.

Ci sono due tipi di precari: quello storico e il neofita integrato. Il primo è quello che è infinocchiato da 20 anni da tutti i partiti, sia di destra sia di sinistra, e insiste nella sua lotta.

I sindacati tradizionali perdono iscritti. Per colpa dello scarso tun-over, dicono loro. Ma ci sono anche altre ragioni: per esempio c'è la concorrenza con sindacati e associazioni professionali
Tutti i sindacati, in questa fase storica fatta di crisi economica e di tagli lineari alla spesa, stanno facendo i conti con una sempre crescente e costante diminuzione di deleghe sindacali.

Via libera dell’aula della Camera in prima lettura al decreto Carrozza su istruzione, università e ricerca. La Camera ha approvato il decreto Istruzione con 195 voti favorevoli, 7 contrari, 79 astenuti e 349 assenti. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato. Il decreto andrà convertito entro l’11 novembre. «Dopo anni di tanti tagli finalmente si ricomincia a investire e c’è una forte spinta da parte del Parlamento perché si investa di più», ha detto, subito dopo il via libera della Camera, il ministro Maria Chiara Carrozza sottolineando che manca ancora il passaggio al Senato. «È il primo passo importante. Non aver messo la fiducia ha consentito di sentire le opinioni di tutti», che a proposito del fatto di non aver messo la fiducia ha parlato di «scelta giusta, anche se ha comportato di discutere molte ore». «Credo - ha detto - che tutte le forze politiche abbiano mostrato interesse per il mondo della scuola. Alla fine si sono astenute anche le opposizioni e questo mi sembra un grande passo in avanti nell’interesse della scuola». «Ci sono stati - ha ammesso il ministro - un po’ di problemi sulle coperture anche con visioni diverse, ma in generale quello che è stato chiesto è un maggiore investimento nella scuola, quindi non c’era di principio una contrarietà a quello che si proponeva in questo decreto, ma la voglia di fare di più».

La Camera ha approvato il disegno di legge di conversione del decreto-legge 12 settembre 2013 n. 104, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca
Giornata campale alla Camera che nella serata del 31 ottobre ha approvato la conversione in legge del DL 104 "La scuola riparte".

Giungono in redazione numerose richieste di chiarimento circa le reali possibilità di ottenere una stabilizzazione grazie alla denuncia alla Commissione Europea del comportamento dello Stato Italiano che agirebbe in violazione di direttive comunitarie.

Professionisti Scuola
 pubblica in esclusiva la risposta inviata ad una docente precaria che si era rivolta alla Commissione Europea denunciando la presunta violazione della norma comunitaria che vieterebbe la reiterazione di contratti a termine.

E' infatti possibile per qualsiasi cittadino europeo scrivere alla Commissione Europea circa la reale e corretta applicazione di norme e direttive comunitarie nel paese in cui risiede.

Un emenamento al Decreto Scuola, in discussione domani alla Camera, potrebbe provocare un terremoto alle graduatorie ad esaurimento frenando lo scorrimento delle stesse a danno dei precari in attesa del ruolo. L'emendamento propone infatti l'abolizione di due commi della legge 167 del 2009 e se approvato provocherebbero uno stravolgimento delle Graduatorie ad Esaurimento.

di Max Bruschi

Il termine di presentazione all’aula degli emendamenti al DL 104/2013 scade alle 14, ma mi risulta siano stati ripresentati alcuni emendamenti importanti all’articolo 15, che erano stati ritirati nel corso della discussione in commissione, inerenti l’area unica sostegno, i “congelati SSIS”, la precedenza nelle supplenze per il personale abilitato e la semplificazione nelle procedure di attivazione dei percorsi TFA, la vigenza delle graduatorie dell’ultimo concorso a cattedra e la biennalizzazione delle procedure. Allego di seguito alcuni testi, in attesa di avere il resoconto dagli Uffici.

DECRETO 104 (E NON SOLO) A RISCHIO DI APPROVAZIONE

Le dimissioni di Giancarlo Galan aprono un caso politico molto serio. Il Governo potrebbe essere costretto a porre la questione di fiducia in aula e a quel punto tutto potrebbe accadere.
L’avvio del dibattito conclusivo della Camera sulla conversione in legge del decreto 104 è previsto per il pomeriggio di lunedì 28 ottobre, mentre il voto conclusivo dovrebbe arrivare il giorno successivo o, al più, mercoledì 30.