Varie

Professionisti Scuola Network comunica che ha ricevuto in giornata la conferma della propria partecipazione all'iniziativa del tavolo di confronto sul reclutamento organizzato dal Movimento 5 Stelle.
Passa dunque alla seconda fase l'iniziativa del M5S lanciata dai parlamentari del M5S appartenenti alla Commissione Istruzione di Camera e Senato. Al tavolo di confronto saranno invitati a partecipare anche i rappresentanti del governo, delle sigle sindacali e dei gruppi già auditi dai parlamentari M5S dall'inizio della legislatura.

Riportiamo comunicato stampa della Gilda degli Insegnanti, inerente l'incontro avvenuto oggi tra il Ministro e i Sindacati, non volendo togliere il piacere di una sana lettura,  abbiamo l'impressione che si prenda solo tempo:

L’attuale regolamento delle supplenze, il DM 131/2007, aveva sin dall’inizio una “smagliatura” che si è via via accentuata con lo scorrere del tempo. Sostituiva un precedente regolamento, più o meno simile, ma senza tener conto che le graduatorie permanenti erano appena state chiuse. Il “nuovo” regolamento non faceva che riprendere i contenuti della legge 124/1999, la quale, nell’istituire le graduatorie permanenti per l’accesso ai ruoli, all’articolo 4 disciplina l’attribuzione delle supplenze, distinguendo tra supplenze annuali e sino al termine del servizio, riservate al personale iscritto in graduatoria permanente, e supplenze così dette brevi, affidate alle graduatorie di istituto.

Maria Chiara Carrozza lancia il sasso nello stagno. Gli scatti d'anzianità, l'unico modo di progressione economica nella scuola, «hanno fatto il loro tempo» e il tabù va affrontato. In sede di rinnovo del contratto, dove bisognerà «pensare ad altro» per migliorare le "carriere" e quindi le buste paga degli insegnanti. Il messaggio, molto forte per il mondo della scuola, soprattutto peri sindacati, è stato "recapitato" dal ministro nel corso dell'audizione, ieri, dinnanzi alla commissione Istruzione del Senato, dove sono stati ripercorsi tutti i passaggi della tormentata vicenda "scatti".

Consentire a tutti i precari di usufruire delle 150 ore per frequentare i Pas. 


A chiederlo è la Gilda degli Insegnanti che sta raccogliendo le segnalazioni di molti docenti ai quali viene negato di avvalersi del permesso previsto per il diritto allo studio.

In allegato i link ai principali quotidiani d'informazione.

Affinché ognuno si faccia la propria opinione, ecco il video dell'intervista di Fabio Fazio al Ministro Carrozza a che tempo che fa.

 

Ormai è di moda per i nostri politici usare Twitter per i loro annunci,  ed anche Enrico Letta alle 10.22  cinguetta: "Gli insegnanti non dovranno restituire 150 euro percepiti nel 2013 a seguito della contorta vicenda sugli scatti derivanti da norme assunte tra il 2010 e il 2013".

 

letta