Varie

Lo abbiamo denunciato più volte su PSN, adesso se ne dovrà interessare anche il ministro Giannini. Ci riferiamo all'inefficienza e mancanza di trasparenza dell'USR Campania, in particolare ad errori continui nella formazione delle graduatorie e degli elenchi di personale come accaduto per i corsi di riconversione e per i PAS (percorsi abilitanti speciali), alle continue rettifiche delle graduatorie del concorso docenti che continuano a sconvolgere gli elenchi pubblicati ad agosto 2013 e la mancata pubblicazione, dopo oltre 6 mesi, degli elenchi del sostegno degli idonei al concorso. Assenza di trasparenza che PSN sta contrastando fortemente con il lancio dell'iniziativa la "Trasparenza li seppellirà" e pubblicando sulla sua piattaforma informatica, unici a fare ciò,  le graduatorie rettificate del concorso nonchè gli elenchi di sostegno mai pubblicati dall'USR. Di tale andazzo e di altre vicende dell'USR campano, dovrà ora rispondere il Ministro Giannini grazie ad una interpellanza parlamentare formulata dal parlamentare del M5S Luigi Gallo. Di seguito il comunicato diramato: 

In comunicato il M5S contesta la scelta del Governo che, utilizzando il gioco delle tre carte, sottrae fondi per il diritto allo studio per poter prorogare di un mese i contratti per gli addetti alle pulizie

SCUOLA, M5S: CONTESTIAMO FONDO PULIZIE E CONFLITTO INTERESSI POLETTI

ROMA, 28 feb - “La decisione del Consiglio dei Ministri di prorogare fino al 31 marzo il contratto di lavoro per gli addetti alle pulizie, che sarebbe scaduto oggi è, oltre che giusta, anche necessaria, dal momento che non era pensabile mettere dall’oggi al domani in mezzo a una strada 11 mila persone. Il MoVimento 5 Stelle è però contrario al fatto che le risorse utilizzate a copertura di tale proroga, vengono prese dallo stesso comparto istruzione, sottraendole al fondo per il diritto allo studio. Questo è un segnale molto negativo, che chiarisce come sul comparto dell’istruzione questo Governo non sia assolutamente in discontinuità rispetto a quelli che l’hanno preceduto”.
 

Prima uscita ufficiale di Renzi che ha incontrato per quasi un'ora ragazzi e insegnanti della scuola multietnica alla periferia di Treviso in un auditorium molto pieno insieme ai ministri dell'Istruzione Stefania Giannini e a quello del Lavoro Giuliano Poletti. «L'Italia - ha sostenuto Renzi - diventa grande ed importante solo se riesce ad investire nella scuola. Per questo noi abbiamo deciso di partire da qui dopo che negli ultimi anni gli insegnanti sono stati considerati un pò poco».

Ha commosso e riacceso l'orgoglio e la passione di tanti docenti la Fiction "Non è mai troppo tardi" andata in onda sulla Rai sul Maestro Alberto Manzi. Ma chi era veramente e quale era il suo pensiero ? Abbiamo raccolto due contributi per farlo conoscere meglio ai nostri lettori. Una intervista ad una sua ex alunna e l'ultima intervista in vita del maestro.


Il maestro Alberto Manzi, un ricordo

Una sua ex alunna ricorda il maestro divenuto famoso per il programma tv “Non è mai troppo tardi”. A cui oggi la Rai ha dedicato una fiction

Per tutti noi della classe V A della Scuola elementare Fratelli Bandiera, a Roma, Alberto Manzi non era l’uomo della tv, quello che le anziane del quartiere ancora riconoscevano e ogni tanto fermavano per la strada. Non era il maestro di “Non è mai troppo tardi”, la trasmissione Rai che aveva insegnato a leggere e a scrivere un milione di italiani (questa sera la prima parte della fiction su Rai Uno a lui dedicata). Non era nemmeno l’autore di “Orzowei”, il pluripremiato libro per ragazzi di cui a mala pena riconoscevamo la sigla dello sceneggiato in tv (quella dei mitici Oliver Onions).

Il Ministro uscente Carrozza invita il neo Ministro Stefania Giannini alla riflessione. Nessuna polemica con il premier Renzi per la sua sostituzione "Sono un soldatino al servizio del Paese".

Decreto aggiuntivo per il Diritto allo studio Napoli (Prot. n. 520 del 25.02.2014).

Riportiamo il resoconto della Gilda sull'incontro tra Sindacati e Miur 

Si è svolto oggi al Miur un incontro tra OO.SS. ed Amministrazione avente ad oggetto: mobilità, PAS e graduatorie ad esaurimento e di istituto.

Alcuni dei concetti sulla scuola tratti dal video  discorso  di Matteo Renzi, che potete ascoltare in allegato:

“Di fronte alla crisi economica non puoi non partire dalle scuole, dalle prossime settimane vedrete i risultati”, ha detto Renzi che ha promesso di scrivere ai sindaci e agli amministratori locali per far partire un piano di ristrutturazione dell’edilizia scolastica. “Restituire valore sociale agli insegnanti, c’è bisogno di rispetto per chi va nelle nostre classi”, ha detto Renzi. Sull’Unione europea Renzi ha detto che non bisogna considerarla “madre di tutti i nostri problemi”

Saranno solo belle parole? Ennesima beffa per una categoria bistrattata?