Varie

buona scuolaIl premier aveva annunciato che per il 22 febbraio avrebbe presentato la riforma e il piano delle immissioni in ruolo, tanto atteso da circa 150 000 precari, ma tale data non è stata del tutto rispettata. Adesso si parla di 27/28 febbraio, ma i sindacati che sono stati ricevuti al MIUR hanno fatto sapere che la situazione non è ancora stata definita. E’possibile che i tempi siano più lunghi!

Negli ultimi giorni è stata battaglia tra le affermazioni del sottosegretario Faraone, i resoconti dei sindacati e del movimento 5 stelle, nonché le classiche “voci di corridoio”. La kermesse del 22 febbraio non ha risolto i dubbi dei tanti precari in attesa di certezze.

Si fa strada sempre più la possibilità che le immissioni in ruolo non riguarderanno TUTTI i docenti in ma GAE, ma probabilmente alcuni docenti di classi di concorso obsolete o troppo affollate potrebbero rimanere fuori.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa inviatoci in redazione dall'Ufficio Stampa della Commissione Cultura del M5S. 
Comunicato Stampa - Il M5S in anteprima nazionale a Napoli: "7 Soluzioni per la Scuola"

Venerdì 27 Febbraio alle 17 i parlamentari del Movimento Cinque Stelle della Commissione Cultura alla Camera Luigi Gallo e Simona Valente, Chiara Di Benedetto, Giuseppe Brescia e Manuela Serra presenteranno a Napoli in anteprima nazionale "7 Soluzioni per la Scuola", tour che, nei prossimi mesi, toccherà tutte le principali città d'Italia. Presso il centro culturale "La Città del Sole" dell'ex asilo Filangieri, in vico Maffei a Napoli, i deputati presenteranno alla stampa e al mondo dell'istruzione il Progetto Scuola del Movimento Cinque Stelle, un piano alternativo alla Buona Scuola di Renzi. L'evento si svolgerà proprio mentre il Premier porterà al Consiglio dei Ministri la riforma del sistema scolastico denominata "Buona Scuola", provvedimento duramente contestato dai portavoce del Movimento Cinque Stelle.

mobilitàdocentiIl 23 febbraio 2015 è stata definitivamente sottoscritto il CCNI(contratto collettivo nazionale integrativo) sulla mobilità. Il Ministero ha comunicato l'intenzione di pubblicare immediatamente l'ordinanza e di definire i termini per le domande: per i docenti dal 26 febbraio al 16 marzo, per gli ATA dal 18 marzo al 15 aprile. Si tratta di tempi molto stretti, in particolare per i docenti. 

Tempi brevissimi dunque per la presentazione delle domande: i docenti avranno solo 20 giorni per produrre la domanda nella sezione del sito del Ministero, Istanze on line. Per accedere alla registrazione, necessaria, per la compilazione delle istanze, il Miur ha predisposto una guida operativa.

la buona scuola lavoriContinuano a fioccare le indiscrezioni a pochi giorni dal varo del decreto legge sulla #BuonaScuola. Indiscrezioni che confermano quanto anticipato anche da PSN: le graduatorie ad esaurimento non saranno più tutte chiuse nel 2015 come inizialmente annunciato. A riportare nuovi dettagli è il quotidiano Italia Oggi che in un articolo appena pubblicato rivela che non tutti i docenti precari iscritti nelle Gae rientreranno nel mega piano assunzionale del governo.
Secondo le anticipazioni di Italia Oggi, l'indicazione che emerge tra Palazzo Chigi e viale Trastevere è che le immissioni in ruolo devono rispondere al reale fabbisogno della scuola, seppure misurato non sui parametri ad oggi utilizzati per le assegnazioni ma prevedendo docenti in surplus da utilizzare per le sostituzioni e per l'ampliamento dell'offerta formativa. Il quotidiano anticipa inoltre che sarebbero cancellati organico di diritto e di fatto, per costituire così il nuovo organico dell'autonomia. Questo si tradurrà alla primaria, per esempio, nel ripristino per alcune ore del doppio maestro. Insomma, sarà fatta una scrematura, in modo da assumere non solo i docenti utili in base alla classe di concorso ma anche quelli che stanno lavorando o hanno lavorato nelle scuole. Una scrematura che si baserà sul punteggio detenuto in graduatoria e che dovrebbe tenere fuori chi è in fondo alla classifica e che aveva aspettative assunzionali del tutto residuali.

convegno la buonascuola

Subito contestato l'intervento di Matteo Renzi che è intervenuto a chiusura del Convegno al convegno "La Scuola che cambia, cambia l’Italia” in corso oggi a Roma e che PSN sta seguendo in diretta. La contestazione è partita da un nutrito gruppo di docenti precari presenti alla kermesse che chiedevano chiarezza sulle modalità di attuazione del piano di assunzioni previsto dalla #BuonaScuola. Renzi, ancora in corso il suo intervento, aveva avuto la parola subito dopo il sottosegretario Faraone che non dava indicazioni certe sul piano proprio come il Ministro Giannini  intervenuta in apertura con parole molto vaghe mentre le indiscrezioni sui quotidiani impazzavano.

convegno la buonascuolaProprio mentre il Ministro Giannini è alle prese con un intervento molto vago al convegno "La Scuola che cambia, cambia l’Italia” in corso oggi a Roma e che PSN sta seguendo in diretta, continuano le anticipazioni sul Sole 24 ore sul piano di assunzioni che porterà in consiglio dei Ministri il Governo Renzi. Secondo il quotidiano della confindustria ci sarebbe una maxi-assunzione di precari che però non svuoterà del tutto le graduatorie a esaurimento e attingerà anche a quelle d’istituto
Il pacchetto «Buona Scuola» assumerebbe un contorno sempre più definito con il prossimo varo di un decreto con le misure urgenti e un Ddl delega con la riforma di più ampio respiro che, salvo colpi di scena dell’ultim’ora, arriveranno venerdì 27 febbraio sul tavolo del Consiglio dei ministri.

Queste le anticipazioni riportate oggi sul Sole 24 ore:

convegno la buonascuolaConcluso l'intervento del Ministro Giannini all'evento del Governo sulla Riforma la #BuonaScuola ancora in corso a Roma e seguito in diretta video da PSN. L'intervento ha lasciato molto perplessi i docenti che si attendevano finalmente chiarezza sulle immissioni in ruolo promesse a suo tempo e che avrebbe dovuto prevedere inizialmente lo svuotamento delle GAE e l'immissione di 150 mila precari. Queste le parole della Giannini, molto vaghe e senza riferimenti certi al piano che sarà portato entro fine febbraio in Consiglio dei Ministri:

Su Professionisti Scuola Network la diretta dell'evento La Scuola che cambia, cambia l’Italia in cui dovrebbe essere finalmente illustrato la riforma della #BuonaScuola e che si svolge oggi, a Roma, presso la sala conferenze “Nazionale Spazio Eventi”, via Palermo 10/12, dalle ore 9.00 alle 13.30.
I lavori saranno aperti alle ore 10.00 da un intervento del ministro dell’istruzione Stefania Giannini. Parteciperanno, tra gli altri, il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone, la responsabile della Cabina regia sull’Edilizia scolastica presso la Presidenza del Consiglio Laura Galimberti, la responsabile scuola del Pd Francesca Puglisi, il Capogruppo Pd in Commissione Cultura Scienza Istruzione della Camera dei Deputati Maria Coscia. Sono previsti inoltre i contributi di operatori del mondo scolastico e di esponenti dello sport.
L’evento sarà concluso dall'intervento del presidente del Consiglio Matteo Renzi.  Qui sotto la diretta (ora terminata)