Varie

PSN Crollo soffitto ScuolaSi moltiplicano gli appelli e le petizioni per rivedere le responsabilità ed il ruolo dei dirigenti scolastici in materia di sicurezza degli edifici scolastici trovando l'attenzione del Sottosegretario all’Istruzione Salvatore Giuliano, già DS, che nelle sue prime dichiarazioni ha fatto capire che sarà rivista la materia e la normativa in tema di rischi strutturali ed impiantistici degli edifici scolastici”. Una problematica tornata d’attualità dopo la recente sentenza della Corte di Appello di Potenza che ha confermato la condanna ad un mese di reclusione a seguito del ferimento di uno studente causato dal cedimento di un lastrico, con pena sospesa e il beneficio della non menzione nel certificato penale, nei confronti della Dirigente dell’Istituto di Istruzione Superiore “Carlo Pisacane” di Sapri, Franca Principe.

Sul tema va segnalato che già nella precedente legislatura le Commissioni VII e XI della Camera avevano prodotto un testo condiviso da tutte le forze politiche, unificando due proposte di legge circa la modifica all’articolo 18 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 sulla responsabilità dei dirigenti in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro.

maturitaOggi è iniziata la maturità, l’esame di Stato per la fine delle scuole superiori, con la prima prova scritta, quella di italiano. Gli studenti ammessi, circa mezzo milione, hanno dovuto scegliere tra quattro tipologie di tracce, uguali per tutte le scuole d’Italia: analisi del testo, saggio breve o articolo di giornale (a tema artistico-letterario, tecnico-scientifico, storico-politico o socio-economico), tema storico o tema di attualità.

Ruth Dureghello, la presidente della comunità ebraica di Roma, ha commentato la scelta del brano per l’analisi del testo: «Attraverso le pagine del Giardino dei Finzi Contini di Giorgio Bassani i ragazzi potranno riflettere, a ottanta anni dalla promulgazione delle leggi razziali, sulla drammaticità di quei provvedimenti antisemiti e sulla necessità oggi di combattere ogni forma di discriminazione».

Per chi se lo stesse chiedendo: le tracce sono state scelte ad aprile, quando al ministero dell’Istruzione c’era ancora Valeria Fedeli. E quindi no, nessuno si è ispirato alle polemiche di questi giorni nella scelta delle tracce.

Quest'anno le commissioni saranno 12.865, per un totale di 25.606 classi coinvolte. Ad oggi sono 509.307 le studentesse e gli studenti iscritti all’Esame, fatti salvi gli esiti degli scrutini finali. I candidati interni sono 492.698.

Commissioni2018Sono disponibili sul sito www.istruzione.it le commissioni degli Esami di Stato 2018. L’elenco dei commissari è stato fornito ieri anche alle segreterie delle istituzioni scolastiche, come già annunciato nei giorni scorsi sui canali social del Ministero nell’ambito della campagna #NoPanic dedicata a maturande e maturandi.

Quest'anno le commissioni saranno 12.865, per un totale di 25.606 classi coinvolte. Ad oggi sono 509.307 le studentesse e gli studenti iscritti all’Esame, fatti salvi gli esiti degli scrutini finali. I candidati interni sono 492.698.

La prima riunione plenaria delle commissioni è fissata per lunedì 18 giugno, alle ore 8.30. La prima prova scritta, italiano, avrà luogo mercoledì 20 giugno 2018 alle ore 8.30, per una durata massima di 6 ore. La seconda prova è in calendario giovedì 21 giugno alle ore 8.30. La durata dipende dalle discipline che caratterizzano gli indirizzi ed è variabile dalle 4 alle 8 ore, tranne che per alcuni indirizzi, come i Licei musicali, coreutici e artistici, dove la prova può svolgersi in due o più giorni. La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d’esame, è in calendario lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 8.30.

PSN Votazioni su contratto M5S LegaE' stata lanciata stamattina la votazione sul contratto di governo che il Movimento 5 stelle ha preparato insieme con la Lega e che come anticipato da Luigi Di Maio sarà sottoposto agli attivisti iscritti e certificati sulla piattaforma Rousseau. Lo ha annunciato il capo politico del Movimento che ha lanciato anche l'hastag #IosononelContratto e con il quale i cinquestelle chiedono agli iscritti di esprimersi con il voto online sul contratto di governo con la Lega: “Oggi si è finalmente definito in tutte le sue parti il Contratto per il Governo del Cambiamento. Sono davvero felice”, scrive il capo politico Luigi Di Maio sul blog delle Stelle annunciando il voto. “Sono stati 70 giorni molto intensi, sono accadute tantissime cose, ma alla fine siamo riusciti a realizzare quanto avevamo annunciato in campagna elettorale. La cosa più bella è che ognuno di voi, come me, oggi possa dire: #IoSonoNelContratto”.

E ancora “Ci sono gli italiani in questo contratto. Ci sono io in quanto cittadino italiano. Ci sei tu qui dentro. Leggi questo contratto e sentiti parte di questa ondata di cambiamento che sta per infrangersi sulle speranze di chi voleva che tutto restasse così com’era e sentiti orgogliosamente italiano oggi perché una nuova era sta per cominciare“, scrive Di Maio invitando gli iscritti a esprimersi sull’accordo trovato con la Lega. “Un contratto di governo che vincola due forze politiche, che sono e rimangono alternative, a rispettare e fare quanto hanno promesso ai cittadini”.

Le votazioni on line si terranno per tutta la giornata di oggi, a partire dalle 10 e fino alle 20, su Rousseau per esprimersi sul contratto per il governo del cambiamento.

Ricorso Servizio paritaria PSN AGC

Come nell’anno 2017, anche nel 2018 il Ministero ha ingiustamente ritenuto che “Il servizio prestato nelle scuole paritarie non è valutabile in quanto non riconoscibile ai fini della ricostruzione di carriera” (cfr. Contratto Collettivo Integrativo concernente la mobilità per l’a.s. 2017/2018 prorogato per l’a.s. 2018/2019).

Ogni docente, invece, ha pieno diritto al riconoscimento del lavoro pre-ruolo svolto nei periodi di insegnamento presso le scuole paritarieLa legge non prevede che esistano scuole di livello superiore di serie A e di livello inferiore di serie B.

La dignità delle scuole paritarie è riconosciuta da una legge dello Stato che deve essere rispettata e applicata in tutti i contesti. L’art.2, comma 2 del d.l.255/2001 sancisce la completa equiparazione dei servizi statali e paritari.

Numerose sono le pronunce di Tribunali di tutta Italia che, oltre a riconoscere gli anni di lavoro prestati presso scuole paritarie, hanno ordinato alle Amministrazioni convenute di assegnare ai ricorrenti le sedi di servizio spettanti in base al corretto punteggio di mobilità e all’ordine di preferenza territoriale espresso.

In merito al punteggio del servizio pre-ruolo svolto nelle scuole paritarie si è pronunciato anche il Consiglio di Stato (sentenza n. 4845 del 10/11/2017), che ha equiparato il servizio svolto nelle scuole statali con quello nelle scuole paritarie. Pertanto, illegittimamente viene attribuito un diverso peso al servizio pre-ruolo nelle varie scuole statali rispetto al servizio di pre-ruolo nelle paritarie. Al primo è attribuito un punteggio, mentre al secondo no.

Lo Studio Legale Rocco-Testini in collaudata sinergia con PSN, promuove un ricorso collettivo diretto ad ottenere la valutazione dell’intero il servizio pre-ruolo prestato nelle scuole paritarie ai fini giuridici ed economici.

La domanda giudiziale collettiva ha la finalità di far conseguire a ciascun ricorrente l’ottenimento dell’esatto punteggio comprensivo degli anni di docenza presso scuole paritarie, ai fini della ricostruzione della giusta anzianità di servizio.

Come noto, l’accoglimento della domanda giudiziale comporterà il diritto a poter richiedere un inquadramento nella fascia stipendiale più favorevole, il pagamento degli arretrati, il corretto inserimento nelle graduatorie interne di istituto e nella graduatoria di servizio di ruolo.

Fedeli“Minacce e offese a docenti da parte di studenti sono inaccettabili ed è necessaria una linea rigorosa nelle sanzioni. Chi infrange le regole, chi ricorre alla violenza verbale o fisica nei confronti di professoresse e professori va sanzionato secondo le norme vigenti, che prevedono la sospensione dalle lezioni per periodi di tempo diversi a seconda della gravità delle azioni compiute e, nei casi più gravi, anche la non ammissione allo scrutinio finale”. Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, in merito ai video diffusi in rete in cui si vedono studenti che minacciano e aggrediscono verbalmente i propri docenti.

“Di fronte a immagini come quelle che ci arrivano da Lucca o da Velletri bisogna reagire con fermezza. Applicando le norme esistenti anche nei confronti di chi riprende con smartphone e diffonde simili video per ironizzare e umiliare il proprio professore”, aggiunge la Ministra Fedeli.

Al via anche quest'anno le consuete prove Invalsi per la prima volta svolte al computer. Le prove CBT (computer based tests) riguarderanno però solo le classi terze delle secondarie di primo grado di tutte le scuole del Paese, statali e paritarie.

Le prove comunque ancora in modalità cartacea o CBT, coinvolgeranno come sempre le scuole primarie e  le secondarie secondo il seguente calendario:

  • 3 maggio 2018: prova d’Inglese (V primaria);
  • 9 maggio 2018: prova di Italiano (II e V primaria) e prova di lettura (solo per le classi campione della II primaria);
  • 11 maggio 2018: prova di Matematica (II e V primaria);
  • in un arco di giorni indicati da INVALSI, le classi III della scuola secondaria di primo grado sostengono le prove di Italiano, Matematica e Inglese dal 04.04.2018 al 21.04.2018;
  • in un arco di giorni indicati da INVALSI, le classi II della scuola secondaria di secondo grado sostengono le prove di Italiano e Matematica, comprensive anche del questionario studente, dal 07.05.2018 al 19.05.2018

invalsi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

modello es 1Dal 19 marzo al 4 aprile tramite istanza POLIS è possibile presentare domanda per partecipare alle commissioni degli esami di Stato conclusivi dei corsi di istruzione secondaria di II grado

Vediamo secondo la circolare 4573 del 16/03/2018 chi è tenuto a presentare obbligatoriamente la domanda.