Stampa
Categoria: Formazione, TFA e PAS
Visite: 5403

Abilitazione e specializzazione sostegno romaniaIl Miur ha pubblicato un avviso nel quale  fornisce chiarimenti e informazioni ai cittadini italiani che hanno concluso, in Romania, i percorsi denominati "Programului de studi psichopedagogice, Nivel I e Nivel II" e ne hanno chiesto il riconoscimento in Italia. 

Il Miur informa di aver avviato a partire dal 2016 una interlocuzione istituzionale con il Ministero rumeno conclusa nel novembre 2018 con l’invio di una Nota ufficiale.

Nella nota del Ministero rumeno si indica che:

Alla luce di quanto detto sopra, il Ministero rumeno non riconosce la formazione  svolta dai cittadini italiani.

 

Tali percorsi non soddisfano i requisiti giuridici per il riconoscimento della qualifica professionale di docente ai sensi della Direttiva 2005/36/CE e successive modifiche, e pertanto le istanze di riconoscimento presentate sulla base dei suddetti titoli sono da considerarsi rigettate.

Inoltre, il  Miur ha affrontato anche la questione della specializzazione su sostegno e del relativo riconoscimento in Italia, precisando che l’insegnamento su sostegno in Romania rientra  nell’ambito dell’educazione speciale, in apposite scuole speciali, e non nelle classi comuni come avviene in Italia.

Pertanto, non c’è corrispondenza con l’ordinamento scolastico italiano che prevede che gli alunni con bisogni educativi speciali studino nelle classi comuni con il supporto dell’insegnante di sostegno e non frequentino scuole speciali a loro dedicate.

Nota in allegato

Articoli correlati:

Abilitazione in Bulgaria: valida solo se si è prestato servizio per un anno nelle scuole statali bulgare nei precedenti dieci anni.

Riconoscimento abilitazioni in Spagna: alcune utili precisazioni dal MIUR

Abilitazioni estere: è davvero così facile? I chiarimenti del Miur e le procedure di riconoscimento

Abilitazione in Spagna, non valida se il tirocinio è svolto in Italia