Impero Persiano

1) L'affermazione delle città sumere e dei grandi imperi semiti di accadi, assiri e babilonesi non aveva mai superato i limiti della Mesopotamia, bloccata a est dalla perenne spina nel fianco delle popolazioni barbariche dei monti Zagros – i Gutei, ad esempio, nel 2150 a. C. avevano abbattuto l'impero accadico – e a sud-est dallo Stato dell'Elam, sulla costa orientale del Golfo Persico, che, inizialmente nell'orbita di Sumeri e Accadi, verso il 2000 contribuì, con i Gutei, al tracollo dell'impero della Terza dinastia di Ur, raggiungendo l'indipendenza pur senza dismettere l'utilizzo ufficiale della lingua accadica, e il cui momento apicale fu la conquista della Babilonia cassita nel 1155, comunque seguita dopo meno di trent'anni dalla riscossa di Nabucodonosor I e dal declino.

Iscriviti alla nostra Fan page

2) Neanche la conquista da parte del secondo impero assiro nel 640 a. C. determinò l'oltrepassamento del territorio elamico, seguita come fu dal letale attacco dei Medi, una popolazione confinante di origine indoeuropea che, stabilitasi nell'altopiano iranico – a est dei Monti Zagros e "a sud del Mar Caspio intorno alla città di Ecbàtana ('luogo di raduno')" – alla metà del II millennio, aveva raggiunto una relativa unità politica nell'VIII secolo proprio sotto la pressione degli Assiri, di cui avevano patito le incursioni finalizzate all'acquisizione di cavalli, ricambiandoli con altrettante "a scopo di rapina e saccheggio".

 

3) Nel 626 il loro sovrano Ciàssare (Hvakhshathra) aveva sostenuto la ribellione del governatore di Babilonia Nabopolassar, che avrebbe portato nel 612 alla distruzione di Nìnive. Ne derivò nell'area mesopotamico-mediterranea la nascita del secondo impero babilonese – che con Nabucodonosor II (604-562) raggiunse il massimo dell'espansione e dello splendore – e, a settentrione di esso e fino alla metà della penisola anatolica, di quello medio, basato principalmente sull'abilità politico-diplomatica ed il prestigio di Ciàssare che, forse consapevole della sua intrinseca debolezza – esso costituiva in realtà solo una confederazione di popoli iranici distinti per quanto etnicamente simili – non aveva progetti espansivi a danno delle altre potenze locali…

 

Per la lezione completa in PDF: Il centralismo non prevaricatore dell'Impero persiano

Per qualsiasi dubbio, suggerimento, proposta: Contattami 

 

 Guarda anche le altre lezioni o vai all'indice: