Stampa
Categoria: Mobilità
Visite: 10502

Mobilità stazione centrale PSNIl miur ha incontrato i sindacati nei giorni 4 e 5 dicembre per proseguire il confronto sul rinnovo del prossimo CCNI partendo da una bozza proposta dall'Amministrazione e che ha riguardato in particolare la sezione contenente le disposizioni per il personale docente. Le delegazioni hanno esaminato i primi 22 articoli della proposta contrattuale fornita dal Miur procedendo ad apportare le necessarie modifiche, per adeguare le disposizioni al quadro normativo che vedrà confermare l´abolizione degli ambiti territoriali e della chiamata diretta. In particolare è stata raggiunta l'intesa sulla rimodulazione delle percentuali da destinare alla mobilità per il prossimo anno agevolando le possibilità di ottenere trasferimento interprovinciale anche rivedendo i meccanismi di elaborazione dei passaggi di ruolo e di cattedra che quest'anno avverranno simultaneamente. Tra i punti più importanti all´esame del tavolo negoziale anche le questioni riguardanti la riduzione al 50% delle disponibilità per i trasferimenti da posto di sostegno a posto comune e la mobilità tra e verso i licei musicali. Di seguito riportiamo i punti su cui è stata raggiunta una convergenza di massima durante le due giornate tra il Miur e le OO.SS.:

Iscriviti alla nostra Fan page

Un confronto intenso, dunque, quello avvenuto in questi due giorni tra organizzazioni sindacali e rappresentanti del MIUR che ha visto la condivisione di gran parte della bozza discussa ma restano almeno due questioni fondamentali da sciogliere ancora e su cui si sta cercando un punto d'incontro che però vede alcuni sindacati decisi a non firmare nel caso il miur non tornasse sui suoi passi:

Resta inoltre aperto il problema dei licei musicali, in particolare è in elaborazione una proposta per i docenti utilizzati da diversi anni nei Licei Musicali tale da permettere di dare una risposta alle loro istanze di mobilità professionale e dunque di continuità didattica, ma con la volontà di salvaguardare la domanda di mobilità territoriale.

In merito poi alla questione di personale educativo, il sindacato UIL, registrata la contrarietà delle parti a prevedere il passaggio del personale educativo abilitato, con concorso ordinario del 2000, nei ruoli della primaria, ha proposto che tale passaggio sia almeno possibile limitatamente al riassorbimento dell’esubero.

Il confronto proseguirà il 13 dicembre. Il 6 dicembre, invece, inizierà il confronto sul personale ATA.

Articoli correlati
Mobilità 2019: Chiesto rinvio vincolo triennale. Nuove precedenze, operazioni contestuali tra gradi. Miur vuole limitare passaggi da sostegno a posto comune
Assunzione da GMRA 2018: Nessuna mobilità e FIT percorso ad ostacoli, necessarie modifiche