Stampa
Categoria: Guide
Visite: 15660

cartadeldocente

Con Nota 5314 del 10/03/2017 il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha fornito istruzioni operative in merito all'utilizzo e alla rendicontazione della carta elettronica per l'aggiornamento e la formazione dei docenti per l'anno scolastico 2016/2017.

Vediamo cosa succede per chi ha speso l'intera somma, o parte di essa, nel periodo compreso tra il 1 settembre e il 30 novembre 2016.

Iscriviti alla ns. Fan Page


Nella Nota si legge:

-"In riferimento a tale procedura si precisa che è possibile generare la suddetta dichiarazione in autocertificazione delle spese sostenute improrogabilmente fino al 28/4/2017. Dopo tale data non sarà più possibile per il docente richiedere il rimborso di quanto già speso e, pertanto, la relativa funzionalità non sarà più disponibile."

I docenti che hanno usufruito del bonus nel predetto periodo e che hanno registrato l'importo utilizzato, mediante autocertificazione, attraverso l'applicazione web "Carta del docente" dovranno recarsi entro il 20/05/2017 presso la segreteria della scuola di servizio o, per i docenti in servizio presso altri uffici, presso una qualsiasi istituzione scolastica, esibendo l'autodichiarazione generata e gli scontrini e/o fattura relativi all'importo da rimborsare. In caso contrario le somme si intendono non rendicontate, quindi non rimborsabili.

Inoltre, molti docenti, all'apertura della piattaforma CARTADOCENTE, avevano erroneamente dichiarato di aver già speso l'intera cifra, pensando che si riferisse allo scorso anno. Finalmente al MIUR si sono decisi a porre rimedio. Infatti la nota ministeriale dice che:

-"Tenuto conto delle numerose richieste pervenute dai docenti utilizzatori della predetta applicazione di poter recedere dalla richiesta di rimborso delle spese effettuate nel periodo Settembre – Novembre 2016 eventualmente già presentata e di poter, quindi, disporre dell’intera somma di euro 500 prevista per l’anno scolastico 2016-2017, la scrivente Amministrazione ha predisposto un apposito modulo."

Quindi i docenti che intendono ritirare l'istanza di rimborso già presentata (per errore) telematicamente dovranno recarsi presso la segreteria della scuola di servizio o, per i docenti in servizio presso altri uffici, presso una qualsiasi istituzione scolastica e presentare il modulo allegato debitamente compilato e sottoscritto. Si precisa che sarà possibile ritirare l'istanza di rimborso per l'intero importo. Le segreterie, attraverso l'applicazione SIDI "Carta del docente" → "Gestione delle autodichiarazioni", una volta acquisita l'informazione, potranno ripristinare l'intero importo di 500 euro. Il termine ultimo per le operazioni a carico delle istituzioni scolastiche è fissato improrogabilmente per il 15/06/2017.

In allegato la nota ministeriale e il modello da compilare per il ripristino dell'intero importo per correggere l'errata dichiarazione iniziale.

Articoli collegati

Bonus 500 euro: Aperto e operativo sito Cartadocente.it, come effettuare l'accesso

Carta Docente le prime faq ufficiali del MIUR, on line da poche ore l'applicativo.

Cartadocente: Amazon c'è. Da oggi disponibile la procedura per utilizzare il bonus sul celebre sito di E-commerce

FOTOGUIDA: Come annullare un buono generato erroneamente da "carta del docente"

Bonus 500 euro: Nota MIUR su come rendicontare spese sostenute entro il 30 novembre 2016

Salva