Stampa
Categoria: Graduatorie e Organici
Visite: 3524

Una faq appena emessa dal Miur, la n. 26, chiarisce come inserire a sistema la corretta valutazione di servizi contemporanei  per i docenti che abbiano prestato servizio su due o più classi in periodi temporali sovrapposti. 
La faq si è resa necessaria a seguito delle numerose segnalazioni di mancato riconoscimento nelle graduatorie di III fascia dei docenti dei servizi contemporanei, a causa di una errata funzionalità dell'applicazione messa a disposizione delle scuole. I sindacati però avevano sollecitato il Ministero affinché correggesse la procedura informatica che non permetteva tale valutazione.

Infatti, il sistema applica anche alla terza fascia i vincoli sulla contemporaneità dei servizi adottata per la seconda (e per le GAE) impedendone l'inserimento. In terza fascia, invece, come da tempo chiarito da PSNil vincolo sulla contemporaneità opera su ogni singolo insegnamento e non sull'intera graduatoria.

Iscriviti alla nostra Fan page

Con una faq del sistema informativo si informano le scuole che la procedura, al momento, continua a non permettere tale valutazione, ma che le scuole, per effettuare le dovute correzioni, possono comunicare il punteggio corretto nel campo destinato alla rettifica del punteggio dei servizi calcolato dal sistema.

Questo il testo della Faq:

26. In relazione alla valutazione dei servizi di III fascia, come fare per valutare il servizio specifico se questo è contemporaneo ad altro servizio specifico prestato su altra graduatoria?

Attualmente la funzione di acquisizione/aggiornamento non prevede questa casistica, quindi in fase di valutazione dei servizi per una specifica graduatoria, il sistema blocca l’inserimento se i servizi sono contemporanei. Per ovviare alla mancata gestione di questa casistica, la scuola operante può comunicare il punteggio del servizio nel campo preposto alla rettifica del punteggio dei servizi calcolato dal sistema.

Ancora una volta si scarica sulle scuole la responsabilità di correggere i numerosi errori determinati da errate (o parziali) indicazioni fornite dal Ministero a chi ha realizzato il software e da continui malfunzionamenti.