Graduatorie e Organici

MB 400x400Si avvicina la scadenza del 15 gennaio per l'approvazione del PTOF da parte delle istituzioni scolastiche e tantissimi sono i docenti assunti in fase C che ancora attendono di trovare una corretta collocazione all'interno degli organici e un utilizzo congeniale alla loro professionalità anche e soprattutto per l'incapacità di molti Dirigenti Scolastici di applicare il buon senso e soprattutto norme già esistenti sull'autonomia scolastica che finalmente potrebbero trovare applicazione offrendo un concreto potenziamento dell'offerta formativa fin da subito. 

Sulla questione è intervenuto sulla sua pagina fb l'ispettore del Miur, il dott. Max Bruschi, con un post molto chiaro e concreto, speriamo illuminante per i DS, sull'utilizzo e la gestione dei docenti assunti in fase C troppo spesso utilizzati solo per fare supplenze brevi senza alcun reale potenziamento dell'offerta formativa della scuola. Di seguito riportiamo il testo completo del post:
"#‎buonascuola‬, ‪#‎faseC‬. In queste settimane, ho avuto circa 400 allievi, oltre al quotidiano confronto con voi, un gruppo dei quali è stato coinvolto nella fase C delle immissioni in ruolo. Lascio i toni trionfalistici o di dileggio alla politica, e preferisco occuparmi della "manutenzione" e dell'oggi.
Molti docenti che hanno "preso servizio" si trovano a bivaccare nei corridoi. Lo trovo uno sconcio. Quasi nessuno ha avuto il doveroso confronto con il DS, curriculum alla mano.

docentiSono molti i nodi ancora da sciogliere in merito alla piena attuazione della L.107, che entrerà a pieno regime solo dall'anno scolastico 2016-2017.

Uno degli aspetti più dibattuti e controversi riguarda proprio il tanto atteso “organico di potenziamento” entrato il 1° dicembre nelle nostre scuole sotto forma di un esercito di 47.465 docenti, in seguito all'ultima fase delle mega-assunzioni, la cosiddetta “fase C”.

Quali attività dovranno svolgere questi docenti, che ormai nelle scuole sono “quelli della fase C”? Avranno compiti e “dignità” diversa rispetto ai docenti di “posto comune”? Saranno possibili situazioni di incarichi “misti” tra posto comune e attività di potenziamento? O saranno destinati solo a fare supplenze brevi e progettini, in una condizione che potrebbe arrivare addirittura ad inquadrarli come docenti di serie B?

Ma una delle domande più frequenti sembra essere questa: cosa ne sarà dell'organico di fatto, che nella prima stesura della legge si prevedeva parte integrante dell'organico dell'autonomia?

 

organico dellautonomia2Uno dei temi più discussi della riforma "La Buona Scuola" è come saranno gestiti gli organici dal 2016/2017 e se l'organico di diritto e di potenziamento saranno compartimenti stagni, oppure sarà possibile anche una figura ibrida curriculare/potenziamento, ossia un docente che svolge una parte di ore "curruculari" e una parte di ore di potenziamento. In realtà già nella circolare del 11/12/2015 circa gli "Orientamenti per l'elaborazione del Piano Triennale dell'offerta formativa" viene confermato quello che era già il sentore di molti, fin dalla pubblicazione della legge 107, ossia che l' Organico dell'Autonomia sarà gestito in modo unitario, così da valorizzare le professionalità di tutti i docenti e senza una rigida separazione tra posti comuni e di potenziamento, che dovranno gradualmente integrarsi.

Organico dellAutonomiaSi avvicina la scadenza del 16 gennaio, termine entro il quale dovrà essere approvato dalle Istituzioni Scolastiche il Piano Triennale dell'Offerta Formativa (PTOF) e con la nota 2805 del 11.12.15 il Miur ha pubblicato una specifiche indicazioni per l'orientamento alla sua elaborazione. La nota non contiene un format predefinito ma utili linee guida lasciando autonomia progettuale alle scuole ma dando indicazioni e suggerimenti su aspetti fondamentali riguardanti il PTOF quali l'autovalutazione, le priorità, i traguardi, gli obiettivi che si è posta la scuola nonchè l'ascolto degli attori interessati, dagli studenti, alle famiglie, al territorio, favorendo la flessibilità della didattica, anche attraverso una riformulazione dell'orario classico, con l'integrazione tra discipline e programmazioni plurisettimanali. La nota però è fondamentale anche per comprendere come sarà il futuro Organico dell'Autonomia (OA) che dovrà comprendere posti comuni e di sostegno e posti di potenziamento col quale si nel tempo si dovrà superare la distinzione tra organico di diritto e organico di fatto (del quale però la legge 107 non ha inizialmente previsto una specifica collocazione, prevedendo in ogni caso in base al comma 69 posti temporanei per incarichi annuali per "esigenze di personale ulteriori rispetto a quelle soddisfatte dall'organico dell'autonomia").Di seguito riportiamo lo stralcio della nota che riguarda la definizione dell'organico dell'autonomia nelle scuole per il prossimo triennio da adottare attraverso l'elaborazione del PTOF e col quale i Dirigenti Scolastici conferiranno gli incarchi triennali ai docenti sia già di ruolo che a seguito delle operazioni di mobilità.

Le OOSS rappresentative hanno redatto un documento unitario fornendo linee di orientamento per il corretto utilizzo dell’organico di potenziamento della Fase C del piano straordinario della legge 107.

Gestione Organico Potenziato

firmaAggiornamento 24/11
E' stata pubblicata la nota sul sito dell'USR Campania riguardante le istruzioni per le assegnazioni dei posti di fase C. Il contenuto della nota, per altro molto stringata, pubblicata in fretta e furia senza firma e protocollo, non chiarisce molti aspetti con cui sono alle prese molti docenti che dovranno scegliere di differire o prendere servizio su posto di fase C, come ad esempio la possibilità di scegliere o meno la sede anche se si resta su incarico di supplenza. Ci auguriamo che ci sia presto una seconda nota o una rettifica con maggiori dettagli e istruzioni, diversamente ancora una volta si lascerebbe scegliere al buio i docenti. Questo il testo della nota:

AVVISO

Assegnazione di sede ai destinatari di proposta di assunzione a tempo indeterminato  di cui alla “fase C” del piano straordinario di assunzioni 2015/2016 in Campania.

 Si forniscono, di seguito, indicazioni relativamente alle nomine di fase C:

  1. I soggetti assunti nella fase C titolari di supplenza fino al 30 giugno o al 31 agosto, che intendono permanere nella sede di servizio, non devono presentarsi alla convocazione.
  2. Le richieste di differimento della presa di servizio, al 01/07/2016 o 01/09/2016, devono essere presentare all’indirizzo di posta elettronica dell’Ufficio scolastico Territoriale competente per l’immissione in ruolo e pertanto i soggetti interessati non devono presentarsi alla convocazione.
  3. I destinatari di nomina in ruolo dovranno assumere servizio con effetto immediato e comunque non oltre il giorno 1 dicembre.

Pubblicato il 23/11
L'USR Campania ha finalmente pubblicato l'elenco dei docenti nominati in fase C e la ripartizione dei posti su ciascuna classe di concorso e sul sostegno per ogni provincia. In una riunione tenuta oggi con le OO.SS., la dirigente dell'USR Campania, dott.ssa Luisa Franzese, ha fornito diversi chiarimenti  sull'ipotesi di differimento della presa di servizio per i docenti incaricati oppure per coloro che siano titolari di contratto in altra amministrazione pubblica o privata. I docenti in questione potranno inviare all'USR una email ad un indirizzo di posta elettronica che sarà fornito dall'amministrazione nella giornata di domani 24 novembre, con richiesta di differimento di assunzione in servizio indicando la data del 1° luglio (per chi è impegnato fino al 30 giugno) o 1° settembre (per chi ha incarico fino al 31 agosto).

Coloro che formuleranno istanza di differimento non dovranno presentarsi alle convocazioni nelle date indicate nel nuovo calendario e saranno contattati dall'amministrazione successivamente per firmare il contratto. I docenti interessati ad assumere servizio dovranno invece presentarsi alle convocazioni avendo cura di rassegnare entro la giornata precedente alla convocazione le dimissioni irrevocabili dall'incarico.

Piano straordinario fase C

Gli USR delle varie regioni stanno pubblicando in queste ore la ripartizione dei posti per provincia, ordine di scuola e campo di potenziamento, fase C secondo la legge 107/2015, #BuonaScuola. Alcuni USP hanno comunicato anche il numero di posti per ogni classe di concorso. Come ci si aspettava, appare subito chiaro che difficilmente saranno attribuiti posti di potenziamento per le classi di concorso per le quali non sono disponibili docenti in fase C. Ciò si può verificare sia per mancanza di abilitati, sia perché coloro che hanno fatto domanda sono già stati tutti assunti in fase B, ma il discorso è diverso per ogni provincia e classe di concorso.

Mancano, infatti, i posti di potenziamento di sostegno per la scuola primaria, probabilmente perché in fase B sono stati assunti tutti coloro che avevano titolo. Situazione simile per il sostegno alle medie e per alcune aree delle superiori, in cui il numero di posti è molto basso. E’ possibile, quindi che molti docenti che speravano nella mobilità per riavvicinarsi alla propria provincia di residenza rimarranno a bocca asciutta, in quanto potranno contare solo sui posti in organico di diritto del turn over (ad esempio pensionamenti).

Graduatorie istitutoIl Miur ha fornito diversi chiarimenti per la convocazione dei docenti da graduatoria di istituto per diverse casistiche che vanno dal come tener conto dei decreti di rettifica disposti in autotutela dalle scuole, quali soluzione adottare in caso di errori nell’invio del messaggio di convocazione, cosa deve fare il docente che abbia cambiato numero di cellulare o indirizzo mail dopo la presentazione del modello B. E ancora come viene effettuato l’aggiornamento della banca dati delle convocazioni per le abilitazioni o specializzazioni conseguite nel corso delle finestre temporali di cui al DDG 680/2015, cosa deve fare la scuola che abbia provveduto all’acquisizione del modello A3 e non vede l’aggiornamento della banca dati delle convocazioni oppure cosa deve fare la scuola che abbia provveduto all'acquisizione del modello A4 e non vede l’aggiornamento della banca dati delle convocazioni. 
Riportiamo di seguito le nuove faq pubblicate in SIDI nella sezione Procedimenti Amministrativi >Reclutamento >Approfondimenti convocazioni da graduatorie d'istituto personale docente.

1. Nell’utilizzo della procedura di convocazione come è possibile evitare, specie in caso di convocazione contestuale di più aspiranti, che non si verifichino inconvenienti per intralcio delle linee telefoniche con conseguenti incertezze e ritardi nell’individuazione dell’avente titolo?