Stampa
Categoria: Didattica 2.0
Visite: 9792

Realizzare uno strumento per vedere oltre la dimensione reale e  sperimentare la realtà aumentata dalla tecnologia a costo zero ? Noi in classe, una II  primaria, ci  abbiamo provato ..! costruendo con materiale di risulta, cartone riciclato, tanta pazienza e creatività la "CARDBOARD  GOOGLE  3D", nuovo piccolo strumento che apre scenari inimmaginabili.. una vasta gamma di applicazioni didattiche nel  campo delle Scienze, Arte, Astronomia....

Questa volta non parliamo dell' ultimo ritrovato tecnologico costosissimo e che rimpiangeremo di aver comprato, perché prestissimo sarà  obsoleto .Stavolta parliamo di un oggetto che è tanto rudimentale quanto fantasticamente funzionale che si può costruire anche da sè.   
 La Google Cardboard , una genialata del mondo moderno che racchiude nella sua esistenza l’essenzialità della tecnologia.
La forza della semplicità del cartone unita al massimo della tecnologia!!!
IMG 0904
 
Noi in classe, per fare un'esperienza  tecno- didattica  e multidisciplinare abbiamo provato a costruirla ricorrendo al template che  lo stesso Google mette a disposizione e che permette a chiunque abbia un minimo di praticità con forbici, carta e colla di autocostruirsi un visore, inserendovi lo smartphone e guardando in apposite lenti ,opportunamente sistemate al suo interno e provare l'esperienza della Realtà Virtuale.
IMG 0905
 
Quindi dopo aver fatto visualizzare loro un filmato per presentare la Cardboard spiegandone l' uso , con i banchi abbiamo formato un gruppo semicircolare , cambiando il setting dell'aula ,ed abbiamo avviato un Brainstorming  per sondare le conoscenze dei piccoli su questo strumento ,poi è venuto fuori un dibattito, poiché tutti hanno voluto raccontare la propria esperienza di visione di realtà virtuale..
IMG 0901
Quando ho presentato loro i ritagli del template chiedendo loro cosa fosse il pezzo ritagliato ,hanno fatto delle ipotesi diverse ma raccordate tra loro..
Domanda :
-" A cosa servono questa specie di occhiali di cartone?" 
-"A vedere gli oggetti  da sinistra, destra, su giù ..da tutti punti di vista.
 - " A vedere gli oggetti tutti intorno a te..
 -" A vedere gli oggetti  tridimensionali...
-" A vedere gli oggetti proprio come se fossi lì in quell' ambiente...
...-" Ma anche un filmato lo vediamo  tridimensionale... mica piatto in 2D..
 -"Si ma qui possiamo vedere cosa c'è alle nostre spalle, di fianco, sotto e sopra, come muoviamo la testa,  come facciamo dal vero..nel filmato no..
- Ma perché questo è possibile con un semplice cartone ripiegato?
-Forse perché dentro è scuro e il video lo vediamo più  luminoso...
- No, non dipende dal cartone ma dalle lenti che sono dentro e dal filmato che è sullo smartphone ...
IMG 0909
I bambini raccolti intorno al tavolo di lavoro, hanno partecipato alle varie fasi del lavoro tecnico- pratico con grande interesse ,entusiasmo e curiosità , sviluppando una specie di " forum "dove ognuno esprimeva la sua opinione o ipotesi sull'oggetto misterioso che si andava realizzando.
Tutti si sono avvicinati alla tesi plausibile, ed hanno dedotto che si trattasse di  occhiali speciali di cartone per vedere video in 3D, poiché le nuove generazioni  ne hanno già fatto esperienza in qualche cinematografo. Ne è scaturita una lezione multicanale ed interdisciplinare. I bambini hanno prodotto prima un diagramma di flusso, indicando l'occorrente per realizzare il prodotto finale e le varie fasi di realizzazione ; in seguito hanno ritagliato  e ripiegato il template cartaceo e lo hanno incollato sulla pagina del proprio quaderno ; hanno prodotto il testo dell'esperienza in classe ; hanno disegnato la Cardboard , tentando di fare le tre dimensioni anche nello spazio grafico del quaderno ; ed infine  ,quando abbiamo assemblato i pezzi di cartone rigido ed abbiamo inserito lo smartphone con il filmato ,hanno potuto vivere l'effetto del loro prodotto, attraverso la visione di ambienti vari in 3D: fondali marini; un museo jurassico;  la Tour Eiffel ed anche le montagne russe...
Insomma i bambini hanno avuto così  la possibilità di visualizzare video a 360°, non solo in 3D statico, ma anche con la possibilità di esplorare il luogo che si stava visualizzando , semplicemente muovendo la testaInsomma uno strumento che ci ha consentito di accedere a contenuti tridimensionali ed ad esperienze più vivide con l' ausilio di una semplice scatola di origami di cartone.
In questo senso la Realtà Aumentata e le nuove tecnologie aprono nuovi scenari nella formazione , nella didattica con  grandi potenzialità per l'apprendimento dei nativi digitali , rendendo  il programma didattico più realistico e coinvolgente. 
Si aprono scenari nuovi non solo per le Scienze , ma anche per l’Arte, la Didattica,  la fruizione degli spazi museali. La realtà virtuale, l’ipermedialità, si fondono con i nuovi interessi dell’educazione, della costruzione della conoscenza e della creatività.
IMG 0913
 
Ci si mmerge in nuovi mondi da scoprire. Basta uno smartphone e un Google Cardboard e la VR è ora alla portata di tutti. E come sempre accade,  questo apre la mente  ed aiuta ad essere creativi. Uno strumento così può essere utilizzato in più modi e per scopi molteplici.
Si possono effettuare escursioni virtuali nei posti più remoti e incantevoli del nostro mondo: l’insegnante sceglie un luogo da esplorare con il visore e gli alunni della classe che indossano le  Cardboard possono intraprendere un viaggio virtuale in quel luogo, conoscendolo dall’interno, in modo interattivo e stimolante. Una sorta di gita didattica senza lasciare l’aula..."
Le  Cardboard ci consentiranno di assistere a tutto in modalità realtà aumentata a 360° come se fossimo fisicamente lì, di assistere a mostre esclusive , visitare i musei lontanissimi partecipare a concerti  in totale tranquillità.
Lo sviluppo di queste tecnologie mira a creare una nuova esperienza visiva che permetta allo spettatore di entrare in un’immagine ed esplorarla dall’interno, di sentirsene circondato.  la sensazione  è quella di trovarsi di fronte a una nuova era della comunicazione.
Viene superato il meccanismo della fruizione del video che presuppone che si  stia a guardare dall’esterno, qui invece si può esplorare il mondo virtuale all' interno  da tutti i punti di vista, partecipare e interagire .
Noi ,nella nostra classe ci stiamo avviando ad usare questo nuovo tipo di comunicazione.
Per contatti ed info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Il video dell'attività svolta il 15 dicembre è reperibile al seguente link su Youtube