Registro elettronico: E’ davvero obbligatorio usarlo ? Docente è  pubblico ufficiale, va garantito accesso in tempo reale

Registro elettronico: E’ davvero obbligatorio usarlo ? Docente è pubblico ufficiale, va garantito accesso in tempo reale

Il decreto legge n. 95 del 6 Luglio 2012, all’art. 7 commi 27 e 31 introdusse l’adozione e uso del registro elettronico nelle istituzioni scolastiche e che a partire dall’anno scolastico 2012/2013 i...

Personale docente e ATA: Diritto a mensa gratuita se in servizio per somministrazione del pasto con funzioni di vigilanza e assistenza

Personale docente e ATA: Diritto a mensa gratuita se in servizio per somministrazione del pasto con funzioni di vigilanza e assistenza

La scuola è proprio come la nostra famiglia, ci trascorriamo una buona parte del nostro tempo per cui è importante che regni l’armonia ma soprattutto che vengano mantenuti gli equilibri fra i membri...

Neoimmessi 2019/20: Siete pronti ? Piattaforma Indire, tutte le info per l'anno di formazione e prova

Neoimmessi 2019/20: Siete pronti ? Piattaforma Indire, tutte le info per l'anno di formazione e prova

Pronti per la grande avventura ? L’ansia sale e i contatti tra i colleghi Neoimmessi vibrano di WhatsApp come tam tam che annunciano che la piattaforma Indire sta per aprire. “Calma e sangue...

Scuola: Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri, le fasi di apprendimento per garantire il diritto all'istruzione

Scuola: Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri, le fasi di apprendimento per garantire il diritto all'istruzione

Anche le nostre classi subiscono l’influenza di una società sempre più multietnica, all’ultimo banco c’è il ragazzino proveniente dalla Polonia, pieno di sé e convinto di conoscere ogni cosa, al...

Decreto Scuola verso l'approvazione definitiva. Gli emendamenti approvati alla Camera.

Decreto Scuola verso l'approvazione definitiva. Gli emendamenti approvati alla Camera.

La Camera stamattina, 3 dicembre 2019, ha approvato il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 29 ottobre 2019, n. 126, recante misure di straordinaria necessità ed urgenza in...

  •  Registro elettronico: E’ davvero obbligatorio usarlo ? Docente è  pubblico ufficiale, va garantito accesso in tempo reale

    Registro elettronico: E’ davvero obbligatorio usarlo ? Docente è pubblico ufficiale, va...

  • Personale docente e ATA: Diritto a mensa gratuita se in servizio per somministrazione del pasto con funzioni di vigilanza e assistenza

    Personale docente e ATA: Diritto a mensa gratuita se in servizio per somministrazione del...

  • Neoimmessi 2019/20: Siete pronti ? Piattaforma Indire, tutte le info per l'anno di formazione e prova

    Neoimmessi 2019/20: Siete pronti ? Piattaforma Indire, tutte le info per l'anno di formazione e...

  • Scuola: Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri, le fasi di apprendimento per garantire il diritto all'istruzione

    Scuola: Accoglienza e Integrazione degli alunni stranieri, le fasi di apprendimento per garantire...

  • Decreto Scuola verso l'approvazione definitiva. Gli emendamenti approvati alla Camera.

    Decreto Scuola verso l'approvazione definitiva. Gli emendamenti approvati alla Camera.

L’Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione ha pubblicato una nota esplicativa sullo svolgimento delle prove nazionali per gli alunni con BES.

Si chiarisce che qualunque sia la tipologia di disabilità o di Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA), essa deve essere segnalata sulla maschera elettronica per l’inserimento delle risposte dello studente (nel caso in cui tale informazione non appaia automaticamente, in base a quanto comunicato dalla scuola).

Iscriviti alla nostra Fan page

Tale segnalazione consentirà di considerare separatamente i risultati degli alunni con BES e di non farli rientrare nell’elaborazione statistica dei risultati di tutti gli altri alunni. Le scuole potranno richiedere all’INVALSI l’invio dei risultati degli allievi che abbiano partecipato, nel caso in cui abbiano sostenuto le prove formulate dall’INVALSI e non quelle eventualmente personalizzate dalla scuola. 

Per gli allievi con DISABILITA’ INTELLETTIVA, la partecipazione è a discrezione del Dirigente scolastico che può adottare, a sua discrezione, una delle seguenti scelte:

1) non far partecipare a una o a tutte le prove INVALSI gli alunni con disabilità intellettiva o altra disabilità grave, impegnandoli nei giorni delle prove in un’altra attività;
2) fare partecipare a una o a tutte le prove INVALSI gli allievi con disabilità intellettiva o altra disabilità grave insieme agli altri studenti della classe, purché sia possibile assicurare che ciò non modifichi in alcun modo le condizioni di somministrazione, in particolare se si tratta di classi campione. In generale, sono ammessi strumenti dispensativi e misure compensative, con la sola condizione che questi non modifichino le modalità di effettuazione delle prove per gli altri allievi della classe. Non è pertanto possibile la lettura ad alta voce della prova, né la presenza in aula dell’insegnante di sostegno.

Se ritenuto opportuno dal Dirigente Scolastico, è consentito che gli allievi con disabilità intellettiva o altra disabilità grave svolgano una o a tutte le prove INVALSI in un locale differente da quello utilizzato per gli altri allievi della classe. Solo in questo caso, è anche possibile la lettura ad alta voce della prova e la presenza dell’insegnate di sostegno.
Inoltre, sempre se ritenuto opportuno dal Dirigente scolastico, per tale tipologia di allievi è possibile prevedere un tempo aggiuntivo (fino al massimo di 30 minuti per ciascuna prova) per lo svolgimento delle
prove.

Per gli ALLIEVI IPOVEDENTI O NON VEDENTI, la partecipazione avviene alle stesse condizioni degli altri, ma essi possono utilizzare la prova in formato elettronico o Braille. Anche in questo caso è possibile prevedere un tempo aggiuntivo fino al massimo di 30 minuti per ciascuna prova e, se vi è la necessità della lettura ad alta voce o del docente di sostegno, si dovrà utilizzare un locale differente rispetto a quello utilizzato dagli altri allievi.

Per gli studenti con DSA, la scuole devono valutare ogni situazione, per individuare la soluzione che meglio si adatti ad ogni specifico disturbo. Sono ammessi strumenti dispensativi e misure compensative purché non si modifichino le condizioni di somministrazione. Non è pertanto possibile la lettura ad alta voce, né la presenza dell’insegnante di sostegno, ma, se ritenuto opportuno dal Dirigente scolastico, è consentito che anche gli allievi con DSA svolgano le prove in un locale differente da quello utilizzato per gli altri allievi. In questo caso è anche possibile la lettura ad alta voce e la presenza dell’insegnate di sostegno, se previsto. E’ inoltre possibile prevedere un tempo aggiuntivo, fino al massimo di 30 minuti per ciascuna prova. Gli allievi possono utilizzare le prove in formato elettronico o in formato audio, se sono state richieste dalla scuola all’atto dell’iscrizione al Sistema Nazionale di Valutazione (SNV) 2012- 13.

Le prove Invalsi sostenute dagli allievi con BES, dunque, non rientrano nelle rilevazioni statistiche dei risultati di tutti gli altri alunni. Tuttavia, sarebbe auspicabile individuare alcuni criteri generali per autovalutare e valutare la qualità dell’inclusione realizzata nelle singole scuole.

In allegato nota Invalsi

 

Fonte:http://sostegnobes.wordpress.com/invalsi-speciale/