Stampa
Categoria: Contratto e Retribuzione
Visite: 9969

"Il nuovo meccanismo delle retribuzioni e degli scatti indicato nel rapporto La Buona Scuola non migliorerà il trattamento economico riservato ai docenti, ma al contrario provocherà un taglio degli stipendi". 

La Gilda degli Insegnanti,  confuta tabelle e affermazioni riportate nelle linee guida del Governo riguardanti gli aspetti retributivi e di progressione di carriera.

Proponiamo tre tabelle ripepilogative significative dell'approfondimento, in allegato :

 Docenti guadagno effettivo

Iscriviti alla nostra Fan page

Compensi Lordi indicati nel rapporto

 

Differenza tra i due sistemi

Nel documento del Governo si afferma che gli scatti di competenza triennali favoriranno tutti i docenti neo immessi ma anche una vastissima platea di docenti attualmente in ruolo. 


Ciò non corrisponde alla realtà dei fatti - contesta la Gilda - perchè saranno molto numerosi gli insegnanti bravi che non si vedranno riconosciuti da uno fino a 8 anni di anzianità già maturata nella propria fascia stipendiale, e i più penalizzati risulteranno quelli prossimi al passaggio alla fascia successiva. Con l´introduzione dei nuovi scatti, non sarà riconosciuta ai neo immessi l´anzianità pre-ruolo e ai docenti in ruolo quella maturata nella propria fascia; di conseguenza saranno un´esigua minoranza coloro che a fine attività lavorativa avranno riconosciuti 36 anni di servizio corrispondenti a 12 scatti triennali. 

Dal confronto tra i due sistemi emerge che, con lo scatto due trienni sì e un no, un docente di scuola superiore neo immesso in ruolo, al termine dei 36 anni di servizio, perderebbe 1.444 euro netti.

Prendendo in esame due casi limite, il docente super meritevole, che in 36 anni di servizio ottenesse sempre gli scatti, avrebbe un guadagno annuo di 1.676 euro rispetto al sistema di progressione economica ancora in vigore, mentre l´immeritevole cronico perderebbe 7.684 euro all´anno. Va sottolineato, infine, che l´attribuzione degli scatti triennali non dipende soltanto dal numero di crediti acquisiti, ma quasi esclusivamente dalla scuola in cui presta servizio. 

Se, dunque, questo sistema venisse adottato, darebbe luogo a una serie interminabile di cause giudiziarie.