Stampa
Categoria: Concorsi, FIT
Visite: 10260

Concorso DS PCNuovi aggiornamenti da PSN sul concorso a Dirigenti Scolastici in merito alla vicenda dei ricorrenti che ieri hanno ottenuto dal Tar la sospensione del decreto 1134 dei candidati che avevano superato la prova preselettiva ordinando al Miur di far ripetere loro la prova.  

Ricordiamo che la pubblicazione di diverse ordinanze del Tar riguardanti il concorso a Dirigente Scolastico nella giornata di ieri ha messo in seria discussione la possibilità che la prova scritta si tenga il prossimo 18 ottobre.

Ebbene, da fonti ministeriali autorevoli si starebbe studiando la strategia che il Miur metterà in campo per districare questa matassa e consentire che la prova scritta si tenga invece regolarmente per il giorno previsto. Una strada che è tutta da verificare in quanto sarebbero in qualche modo eluse le disposizioni del Tar ma che al momento sembrerebbe l'unica via di uscita per scongiurare un rinvio della prova scritta.

Secondo le informazioni ricevute dalla nostra redazione, il Miur sarebbe intenzionato ad adottare un provvedimento di autotutela con il quale consentirebbe la partecipazione alla prova scritta anche ai candidati ricorrenti nella data prevista del 18 ottobre e allo stesso tempo proporre immediatamente appello urgente al Consiglio di Stato contro le ordinanze cautelari che hanno previsto per tali candidati una ripetizione della prova preselettiva.

 

Iscriviti alla nostra Fan page
Una soluzione che consentirebbe di uscire dall'imprevisto impasse delle ultime ore, ridando serenità ai concorrenti che avevano superato regolarmente la prova preselettiva a luglio e che erano stati presi dallo sconforto per un probabile rinvio della prova scritta ormai già prevista tra meno di una settimana visto che tanti candidati volevano affrontarla per mettere a frutto il duro studio di questi mesi o per liberarsi finalmente da questa incombenza. In sostanza i ricorrenti sarebbero ammessi alla prova scritta con riserva e farebbero eventualmente la prova preselettiva in un secondo momento.  

 

Una soluzione quella proposta dai funzionari del Miur che però dovrà essere concordata e messa a punto con l'Avvocatura dello Stato tenendo presente che l'ammissione con riserva alla prova scritta di tali ricorrenti in autotutela, nelle more della rifacimento della prova preselettiva, sarebbe una elusione di quanto disposto dal Tar che ha sospeso l'efficacia del decreto n. 1134 di ammissione degli idonei alla preselettiva fino a quando i ricorrenti non avranno svolto ed ottenuto l'esito della prova, oltre che ad essere una forzatura perché l'ordinanza non ha disposto l'ammissione con riserva degli stessi alla prova scritta.

Ma c'è di più, il Miur è deciso ad andare allo scontro con i ricorrenti per far valere le sue ragioni ed è  certo che si possa ribaltare quanto deciso dal Tar in merito a presunte interruzioni (ad es. per black out) della procedura informatica e di un effettivo impedimento oggettivo, riconducibile a forza maggiore, alla conclusione della redazione della prova preselettiva. 
In merito, le stesse fonti contattate da PSN specificano che il Miur è certo di evitare nuove preselettive ribaltando le ordinanze cautelari del Tar perchè non sarebbero stati tenuti in considerazione i verbali d'aula redatti durante le prove di fine luglio. Ma c'è di più, ad un primo riscontro sui nomi dei ricorrenti che avrebbero ottenuto le ordinanze per presunti problemi tecnici emergerebbe dai verbali d'aula che nessuna annotazione sarebbe stata riportata in essi sull'impossibilità di concludere regolarmente la prova. Inoltre i casi noti al Miur di candidati effettivamente impossibilitati a concludere la prova sarebbero molto meno dei nominativi inseriti nei ricorsi. E questo è certamente vero se si tiene conto che l'applicativo messo a punto per le prove preselettive era stato testato dai responsabili d'aula verificando che in caso di interruzione di energia elettrica manteneva in memoria le risposte già fornite dai candidati consentendo di riprendere la prova esattamente dallo stesso tempo indicato dal timer al momento del blackout.

Una circostanza che se confermata, da un lato dimostrerebbe superficialità da parte del Tar per non aver richiesto e preteso che fossero documentate le reali circostanze di impossibilità tecnica di concludere la prova invocate dai candidati ricorrenti e dall'altro evidenzierebbe una inefficace linea difensiva da parte del Miur nelle aule dei tribunali. 

A questo punto è necessario un comunicato ufficiale con il quale il Miur confermi la data della prova scritta del 18 ottobre con il quale si decide di non ottemperare all'ordinanza di sospensione del decreto di ammissione di fine luglio e rendendo nota l'ammissione con riserva alla prova scritta dei ricorrenti e allo stesso tempo appellandosi al Consiglio di Stato.
Un appello che il Miur avrebbe già deciso di proporre con urgenza, ma va tenuto conto che i tempi sono strettissimi e che essendo l'ordinanza del Tar subito esecutiva, resta valida e da applicare fino ad un pronunciamento sospensivo del CdS che difficilmente arriverebbe già entro giovedi 18

Dunque una forzatura che potrebbe portare a nuovi contenziosi sia perchè l'esito dell'appello al CdS in sede cautelare non è scontato, al di la dei tempi tecnici e delle osservazioni sui verbali d'aula e che potrebbe anche confermare l'ordinanza del TAR. 
Senza contare che il Miur sarebbe dell'avviso che per evitare indebiti vantaggi ai ricorrenti che dovranno affrontare nuovamente la preselettiva, conoscendo già la soglia necessaria per il suo superamento fissata a 71.70, dovrebbero essere estratti i 100 quesiti da una nuova banca dati predisposta allo scopo. Soluzione che comunque la si metta vedrebbe una disparità di trattamento con i candidati che hanno sostenuto la precedente preselettiva. 
A questo punto l'unica cosa che sembra certa è che si aprirà l'ennesima stagione dei ricorsi anche per questo concorso a Dirigenti Scolastici.

Articoli correlati
Concorso Dirigenti Scolastici: Probabile rinvio della prova scritta. Disposta ripetizione preselettive. Caos per ordinanze del Tar
Concorso Dirigenti Scolastici: Video con istruzioni per prova scritta. Qui tutte le indicazioni
Concorso Dirigenti Scolastici: Pubblicata in GU data della prova scritta: 18 ottobre, comunicazione delle sedi il 3 ottobre 
Concorso Dirigenti Scolastici: Prova scritta prima settimana ottobre, a breve decreto in GU. Qui tutti i dettagli sulla prova
Concorso Dirigenti Scolastici: Slitta la prova preselettiva. Test in piena estate il 23 luglio, batterie note dal 27 giugno
Concorso Dirigenti Scolastici: Notevoli ritardi nella preparazione dei test. Si va verso uno slittamento delle prove ?
Concorso Dirigenti Scolastici: banca dati quiz online 8 maggio, preselettiva il 29 maggio
Concorso Dirigenti Scolastici: Prova preselettiva, in anteprima su PSN le immagini delle schermate dell'applicativo Miur
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando di concorso da 2.425 posti per Dirigenti Scolastici
Concorso Dirigenti Scolastici pubblicato il regolamento. Prova preselettiva nazionale computer based