Stampa
Visite: 2640

Comunicato stampa

Nella nottata è stato finalmente siglato presso il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali  l’accordo quadro risolutivo delle delicatissima e complicata vertenza retiva ai lavoratori Ex LSU –Appalti storici occupati negli istituti scolastici. Com’è noto si tratta di una vertenza a carattere nazionale che investe  oltre 24.000, addetti nel settore;  in Basilicata la vertenza riguarda oltre 400 lavoratori operanti negli appalti storici  ed ex LSU  stabilizzati già dalla fine degli anni 90, impegnati nei servizi di pulizia delle scuole lucane.

Iscriviti alla nostra Fan page

La vicenda ha origine da una  gara Consip, espletata a livello nazionale e suddivisa in diversi lotti, con la quale sono stati definiti cambi di appalto affidati con il criterio del massimo ribasso e che porteranno ad un taglio delle risorse pari a circa il 60%  con una inevitabile riduzione dell’orario di lavoro che inciderà direttamente sui già esigui stipendi di questi lavoratori e sui loro diritti .

La scrivente Organizzazione Sindacale esprime grande soddisfazione per il risultato ottenuto.

L’accordo recepisce sostanzialmente in toto le istanze e le proposte fatte dalle parti sociali per tutelare i lavoratori rispetto ad una situazione giuridica e di fatto che si profilava quasi immodificabile. L’ applicazione delle nuove condizioni di affidamento, oltre a non garantire nemmeno i servizi essenziali, avrebbe avuto conseguenze gravissime sulla condizione giuridica e salariale dei lavoratori assumendo i caratteri di una vera e propria emergenza sociale.

Grazie alla pressione esercitata delle Organizzazioni Sindacali, supportate dalla forte mobilitazione dei lavoratori, il MIUR ha destinato 450 milioni di euro finalizzati al programma d’intervento sugli istituti scolastici  previsto nell’accordo; ulteriori 60 milioni di euro sono stati destinati dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali agli strumenti di ammortizzazione sociale in deroga.

Sulla base di tali risorse economiche l’accordo prevede:

1)    il mantenimento a decorrere dal 1/04/2014 delle attuali condizioni economiche e contrattuali;

2)    la contestuale attivazione fino 30/06/2014 della cassa integrazione da applicarsi a rotazione, con criteri attuativi da definire ;

3)    a partire dal  1/07/2014, l’avvio di specifica formazione del personale finalizzata a realizzare nelle scuole interventi di ripristino del decoro e della funzionalità degli immobili adibiti ad edifici scolastici  fino al 30/03/2016, attraverso l’acquisto da parte di istituti scolastici capofila di pacchetti di servizi aggiuntivi.

La sottoscrizione dell’accordo è una grande risultato ottenuto grazie al costante e attento lavoro svolto dalle parti sociali che continueranno a prestare la massima attenzione sui tavoli istituzionali, da istituirsi anche a livello territoriale, a garanzia che le condizioni operative di applicazione dell’accordo salvaguardino tutti i lavoratori.

fonte: http://www.cgilbasilicata.it/?p=5453