Topic-icon Sospese dal MIUR le posizioni economiche ATA

  • Terracino
  • Avatar di Terracino Autore della discussione
  • Offline
  • Senior Boarder
  • Senior Boarder
  • Tutto questo per il la collettività precaria
Di più
23/09/2013 00:24 #500 da Terracino
La Funzione Pubblica, la Ragioneria dello Stato e l’IGOP negano la prescritta certificazione di compatibilità finanziaria all’ipotesi di accordo del 12 maggio 2011 riguardante le posizioni economiche del personale ATA. Il Miur asseconda e con la Nota 9444 del 18 settembre 2013 agli Uffici Scolastici Regionali sospende con decorrenza 1° settembre 2013 la richiesta al Mef di liquidazione del beneficio economico previsto, con riferimento anche alle annualità precedenti.

Inevitabile la protesta di tutti i sindacati scuola. La questione rientra fra quelle per le quali la FLC CGIL ha proclamato lo stato di agitazione del personale Ata. Per esperire la procedura di conciliazione, il MIUR ci ha convocato per il 20 settembre.
La nostra posizione

L’attribuzione di tali posizioni avviene per surroga, a fronte di cessazione del beneficio da parte del titolare, e non comporta alcun incremento di spesa pubblica, dunque siamo di fronte a un vero e proprio esproprio di fondi contrattuali che devono essere restituiti ai lavoratori medesimi.

L’attribuzione delle posizioni economiche, infatti, è una procedura di valorizzazione delle risorse umane prevista dal Contratto ed è legata al superamento di un percorso formativo finalizzato all’assunzione di ulteriori prestazioni e responsabilità. Questo lavoro, giuridicamente già riconosciuto, secondo il MEF e la FP dovrebbe essere reso senza retribuzione, negata anche al lavoro già svolto!

Si tratta delle ennesime decisioni unilaterali da parte di MEF e FP, sostenute sull’equivoco che si tratti di risparmi. E invece sono soldi stanziati nel CCNL e appartenenti ai lavoratori. Se non si scioglie rapidamente questo equivoco e non si sbloccano i fondi, bloccheremo tutte le attività istituzionali delle scuole.

Occorre, scrivono i sindacati scuola unitariamente, aprire un confronto politico tra i Ministeri, poiché le ripercussioni sull’organizzazione scolastica quotidiana sono notevoli. Basti pensare ai compiti legati al soddisfacimento di bisogni primari ed essenziali per l’alunno che non possono essere immediatamente eseguiti in classe, come l’accompagnamento ai servizi igienici dei bambini nella scuola dell’infanzia e, soprattutto, all’accresciuta assistenza agli alunni con disabilità, ma anche alla sostituzione da parte degli assistenti del Direttore amministrativo nelle numerose scuole in cui manca.


FONTE :FLC CGIL www.flcgil.it/scuola/ata/sospese-dal-miu...i-economiche-ata.flc

VOGLIAMO UNA SCUOLA PUBBLICA STATALE LAICA E DI MASSA !

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: C.A.Antonio Guerriero
Tempo creazione pagina: 0.163 secondi
Powered by Forum Kunena